Rif. Comunista: bilancio del Comune di Napoli, qual è il vero problema?

Sulla vicenda del bilancio del Comune di Napoli si consuma la consueta polemica fra gli schieramenti politici cittadini e nazionali, che però non tiene conto delle priorità dei cittadini napoletani.
Partito democratico e 5 Stelle, Valeria Valente e Matteo Brambilla, sono uniti con la Lega nell’invocare il dissesto, che sarebbe un vero e proprio disastro per i cittadini ed i dipendenti comunali e delle società partecipate.

Colpo duro se ci fosse la bocciatura

Sappiamo bene che l’emendamento al decreto mille-proroghe che “salverebbe” il bilancio del Comune non è certo una soluzione al problema ormai strutturale delle finanze cittadine. Si tratta di uno slittamento che farebbe proseguire il difficile galleggiamento finanziario dell’Ente.
Ma la bocciatura di tale emendamento sarebbe un colpo molto duro per Napoli e per tutte le istituzioni locali, soprattutto quelle meridionali. È incredibile che i 5 stelle, che hanno raccolto a Napoli e al sud gran parte dei loro consensi, possano farsi promotori di una soluzione del genere, sia con i consiglieri comunali sia con i parlamentari come Vincenzo Presutto.

Non abbiamo mai risparmiato le critiche

Sia nelle aule del Consiglio sia fuori, all’amministrazione comunale de Magistris, che appoggiamo dall’esterno. Ma questo non può impedirci di denunciare le conseguenze negative del possibile dissesto.

Il cuore del problema delle istituzioni locali risiede nei vincoli di bilancio e nel radicale taglio dei trasferimenti statali. E’ questo il principale motivo per cui Comuni e Province di diversa grandezza e diverso segno politico non possono assumere, investire e garantire servizi essenziali.
La polemica sull’efficienza dell’Amministrazione, peraltro svolta nel pieno della campagna elettorale per le suppletive e in vista delle regionali, nasconde il cuore della vicenda: i diritti ed i servizi dei cittadini sono una variabile dipendente dei patti di stabilità, ovvero sono negoziabili. E’ questo per noi ad essere inaccettabile.


Il rimprovero

A Luigi de Magistris va rimproverato di non aver insistito nel denunciare la situazione per provare a raggiungere accordi ed equilibri politici variabili con i diversi governi nazionali che si sono succeduti.

Noi proseguiremo la nostra battaglia e appoggiamo e appoggeremo le proposte che vanno in direzione di una radicale riforma delle attuali norme sugli enti in difficoltà finanziaria!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*