Sulla diversa filosofia che sta dietro le due sigle che definiscono la prima e la seconda accoglienza dei migranti – CAS, centri di accoglienza straordinari, e SIPROIMI (Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e per minori stranieri non accompagnati) – la commissione Welfare si è oggi confrontata con Fabio Pascapè, dirigente del servizio Politiche di Integrazione e Nuove cittadinanze. Riprenderà appena possibile la discussione con l’assessora al Welfare Monica Buonanno, che oggi non ha potuto partecipare, e, contemporaneamente, come ha proposto la presidente della commissione Maria Caniglia, si cercherà di riprendere una interlocuzione con la Prefettura, responsabile della gestione dei Cas, al fine di acquisire dati sul numero di persone ospitate e sulla loro concentrazione in aree specifiche della città.

Accoglienza

Più volte la commissione si è infatti occupata della problematica connessa all’accoglienza dei migranti e alla concentrazione in alcune aree cittadine dei Centri di Accoglienza Straordinaria, la cui gestione fa capo alla Prefettura. Sempre dal Ministero degli Interni sono finanziati i centri SIPROIMI (Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e per minori stranieri non accompagnati) che accolgono coloro che hanno già ottenuto una risposta positiva alla domanda di asilo. Su questa seconda accoglienza sono coinvolti i Comuni che hanno aderito ad una rete nazionale e che possono organizzare, sulla base di fondi triennali stanziati dal Ministero degli Interni, il sistema nei territori mettendo a bando la gestione dei centri.

Favorire nuove politiche sull’immigrazione

E’ profondamente diversa la filosofia alla base dell’organizzazione dei SIPROIMI, ha specificato il dirigente del servizio competente, Fabio Pascapè, che ha illustrato anche l’attuale organizzazione del servizio ai componenti della commissione (hanno partecipato Marta Matano del Movimento 5 stelle, Andrea Santoro del gruppo Misto – Fratelli d’Italia, Vincenzo Moretto di Prima Napoli e Alessia Quaglietta del PD). A fine dicembre 2019, il finanziamento triennale del Ministero degli Interni è stato prorogato per altri sei mesi. Attualmente i centri in città sono 8 e, dei 143 posti disponibili, quelli occupati sono 83, solo 18 donne sul totale. Presto, ha spiegato Pascapè, si dovrà nuovamente mettere a bando la gestione e si pensa di superare l’attuale organizzazione, che prevede una semplice suddivisione tra centri che ospitano donne e centri che ospitano uomini: la normativa nazionale, infatti, consente anche altre forme di organizzazione, come quella dell’ospitalità per famiglie, ad esempio. La logica della seconda accoglienza garantita dai SIPROIMI, ha concluso il dirigente, è comunque diversa da quella dei CAS, che sono semplici luoghi di attesa, e vede un insieme di attività volte all’integrazione degli immigrati, a partire dalla conoscenza della lingua.

Una logica che i consiglieri hanno tutti sottolineato come positiva, con differenti accenti: l’auspicio è che velocemente si arrivi al superamento definitivo dei Centri di Accoglienza Straordinari a favore di politiche sull’immigrazione maggiormente inclusive, anche perché più efficaci (Matano); l’accoglienza garantita dai SIPROIMI è una goccia nel mare delle presenze in città di immigrati, e sarebbe auspicabile capire se vengono a livello nazionale adeguatamente valutate le situazioni di gravità (Santoro); andrebbe spiegata, da parte dell’amministrazione comunale, la scelta di aderire alla rete SPRAR essendo già ben presente a tutti la difficoltà di avere un controllo sulla distribuzione e il funzionamento dei CAS (Moretto).


 

Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*