Potere al Popolo: Napoli Sotterranea bene comune!

Siamo i fantasmi del lavoro nero, uomini e donne, ragazzi e ragazze. Siamo quelli che vi accompagnano in giro per i siti storici della cittá, che vi servono il caffè quando avete voglia di una sosta, che lavano i piatti dove avete mangiato la tipica pizza locale. Siamo ovunque, in tutti i settori di lavoro, esistiamo ma le istituzioni non ci vedono, fanno sempre finta di non vedere.

A NAPOLI SOTTERRANEA ABBIAMO VINTO

Le nostre denunce sono andate avanti, le prove erano inconfutabili, le sentenze sono arrivate. Napoli Sotterranea è un luogo di proprietá comunale, gestito da un imprenditore privato con affidamento diretto. Albertini, il patron di Napoli Sotterranea, dovrebbe pagare al Comune la cifra irrisoria di 800 euro al mese a fronte di milioni di euro di incassi.

Restituito al territorio

Un bene storico e culturale come questo deve essere restituito al territorio, deve diventare un bene comune! I proventi delle visite devono servire non a ingrossare le tasche di qualcuno, ma a pagare dignitosamente i lavoratori e a valorizzare le necessitá del territorio contro l’ondata di turismo usa e getta che ci ha invaso.
Sostegno all’affitto per gli abitanti storici, riqualificazione di strade, giardini e piazze, insomma un vero controllo popolare!
Perchè la Napoli Sotterranea ha alzato la testa e vuole diritti, dignitá, riscatto!

Oggi l’Assessore Clemente alle 16 ci riceve a palazzo San Giacomo. Noi fantasmi vi invitiamo ad aspettare con noi li sotto, per stringerci insieme intorno a questo unico, grande obiettivo:


NAPOLI SOTTERRANEA BENE COMUNE!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*