Potere al Popolo: “Il Comune ha accettato la nostra richiesta di internalizzazione di Napoli Sotterranea”

Oggi si è tenuto un tavolo di incontro tra l’Assessora Clemente e le attiviste dell’Ex OPG Occupato – Je so’ pazzo, di Potere al Popolo – Napoli e una delegazione di ex lavoratori del sito archeologico.
“Abbiamo chiesto la fine della concessione verso privati del bene e quindi una gestione pubblica del sito per garantire maggiori diritti ai lavoratori e per utilizzare i proventi del sito per fini sociali”, dichiarano le attiviste, ” L’assessore ha finalmente ascoltato e accolto le nostre richieste.

Proposte accettate in pieno

Il Comune ha infatti accettato le nostre proposte in pieno, dichiarando di non voler rinnovare il prossimo 13 Maggio (giorno della scadenza) la concessione del sito di Napoli Sotterranea ad Albertini e si è impegnato a internalizzare il servizio attraverso una fase di transizione, che prevederà un affidamento temporaneo della durata di massimo 4 anni a Napoli Servizi, per riuscire ad arrivare successivamente a una internalizzazione completa del sito.

Bene comune

Ci auguriamo che il Comune tenga fede a quanto dichiarato oggi e continueremo a monitorare e tenere alta l’attenzione su un bene come Napoli Sotterranea, da troppo tempo sottratto alla cittadinanza.
Tutti sapevano quello che succedeva lì dentro ma solo grazie alla determinazione dei lavoratori finalmente si sta invertendo la rotta.
Facciamo di Napoli Sotterranea un bene comune, rendiamo questo sito un simbolo di riscatto e cambiamento per tutta la città.”.

Il prossimo appuntamento previsto al Comune sarà il 25 febbraio alla presenza anche dell’Assessora Bonanno.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*