Rif. Comunista: “Ci sono evidenti ritardi nella politica regionale e, purtroppo, anche in quella del Comune”

E’ di ieri la notizia di una nuova indagine sul ciclo dei rifiuti in Campania, con 23 indagati fra cui il vicepresidente della Regione, Bonavitacola, e l’assessore comunale all’Ambiente, Del Giudice.
Mancato smaltimento delle ecoballe, mancata realizzazione degli impianti di compostaggio, problema dei siti di stoccaggio sono i punti dolenti e ormai noti e annosi.

La Magistratura farà il suo corso

Le responsabilità penali sono individuali, ma siamo davanti all’ennesima conferma che il ciclo dei rifiuti in Campania resta un enorme e irrisolto problema politico e amministrativo.

Ci sono evidenti ritardi nella politica regionale e, purtroppo, anche in quella del Comune.
Il cambio di passo iniziato con la prima Giunta de Magistris si è oggettivamente fermato.
Lo scaricabarile istituzionale cui abbiamo assistito negli ultimi mesi tra Regione, Comune, Sapna, Asia e altri, denota una mancanza di strategia amministrativa nel settore che favorisce affari privati e disservizi pubblici. Il ritorno all’emergenza aumenta il rischio di aree grigie anche nelle scelte degli amministratori.

Rispediamo al mittente le polemiche di Salvini

Il centrodestra campano è fra gli storici corresponsabili della situazione attuale.
Ma chiediamo ancora una volta che questi ultimi mesi di consiliatura al Comune e alla Città Metropolitana vedano tornare la questione rifiuti in testa all’agenda politica.
Con al punto numero 1 la stesura di un Piano Rifiuti complessivo, dalla riduzione, alla raccolta, al trattamento e allo smaltimento, con individuazione dei fabbisogni impiantistici, delle aree e delle tecnologie a basso impatto per rendere Napoli e la sua provincia autonoma nella raccolta e nel trattamento dei rifiuti.


Si può fare, si deve fare!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*