Promuovere iniziative concrete che affianchino il “Marzo Donna”, l’idea in commissione Welfare

La commissione presieduta da Maria Caniglia ha oggi incontrato l’assessora alle Pari opportunità Francesca Menna per un aggiornamento sul calendario delle iniziative che scaturirà dalle manifestazioni di interesse che associazioni, scuole e anche singole persone potranno formulare entro il 14 febbraio, data di scadenza dell’avviso.

L’assessora Menna ha enunciato il tema centrale della rassegna di quest’anno

“Lo sguardo delle donne”, un titolo che vuole richiamare la differente visione del mondo delle donne. Alla rassegna si affiancheranno iniziative autonome promosse dall’assessorato alle Pari opportunità: l’apposizione di una targa sulla panchina rossa di San Giovanni a Teduccio che ricordi le donne del Mediterraneo; la celebrazione del centenario della nascita di Chiara Lubich, fondatrice del movimento dei Focolari; la proposta di intitolare un toponimo a Fabrizia Ramondino, personaggio di spicco della cultura napoletana. Anche per l’evento “Pink Night 2020”, promosso dall’assessorato alla Cultura, c’è un bando che si definisce “una chiamata alle arti” delle donne per costruire una mappa delle arti e dei mestieri delle donne.

Una bella idea, ha commentato la consigliera Marta Matano (Movimento 5 Stelle), la quale ha ricordato che nella manifestazione nazionale tenuta a ottobre un gazebo dedicato alla creatività è stato proprio intitolato “Chiamata alle arti”. In occasione dell’Otto Marzo, ha continuato, sarebbe un obiettivo appropriato quello di aiutare le donne, soprattutto quelle che fanno mestieri tradizionalmente “maschili”, a farsi formatrici di altre donne per scardinare questa assurda divisione.

Si tratta, ha aggiunto la consigliera Chiara Guida (Napoli in Comune a Sinistra), di tener conto del fatto che gli alti costi del mercato culturale scoraggiano il protagonismo femminile; sarebbe significativo assumere questo importante tema incentivando concretamente la creatività femminile.


Tutte queste manifestazioni, ha precisato l’assessora Menna, come tradizionalmente avviene, sono realizzate senza investimenti economici del Comune, eppure con l’assessora alla Cultura è allo studio la possibilità di mettere a disposizione della creatività femminile spazi comunali gratuiti.

“Marzo Donna”

Diverso il punto di vista di Vincenzo Moretto (Prima Napoli), per il quale l’Otto Marzo dovrebbe essere l’occasione per tornare allo spirito originario della Festa, cioè alla denuncia di condizioni di schiavismo nel lavoro femminile, che ancora esistono, e per ragionare sull’aspetto ormai trascurato del ruolo femminile nella famiglia.

Sarebbe significativo, ha concluso la presidente Caniglia, rinviando alla prossima settimana un approfondimento della proposta in una riunione congiunta con la commissione consiliare Pari Opportunità, aggiungere alle iniziative di riflessione e di rappresentazione anche gesti concreti – in diversi ambiti, ad esempio quello della prevenzione sanitaria – che diano alle donne della città, soprattutto a quelle che vivono disagi socio-economici, occasioni per celebrare l’Otto Marzo nella consapevolezza che le istituzioni sono loro vicine.promuovere iniziative concrete che affianchino il “Marzo Donna”.

 

Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*