Le prospettive per i lavoratori impiegati presso i Centri Servizi Sociali Territoriali

Con l’assessora al Lavoro e al Welfare Monica Buonanno, il dirigente del Servizio Programmazione sociale Sergio Avolio e una delegazione di lavoratrici e lavoratori assunti a tempo determinato per gli adempimenti connessi al Reddito di Inclusione, la commissione Lavoro, presieduta da Vincenzo Solombrino, ha fatto il punto sulle prospettive per la proroga di un ulteriore anno e mezzo delle attività di questi dipendenti alla scadenza prevista del 30 giugno 2020.

È giusto affrontare il tema per tempo, ha introdotto l’assessora Buonanno

 

Sono 154 le figure professionali oggi impiegate a tempo determinato nei vari Centri Servizi Sociali Territoriali per le attività connesse al Reddito di Inclusione; un supporto fondamentale all’attività degli uffici comunali, che ha consentito di affrontare la gestione di circa 25mila richieste. Il prossimo 30 giugno scadrà il loro contratto, e si temono ripercussioni sulla qualità dell’erogazione dei servizi nei confronti dei beneficiari del ReI, tenuto conto anche della successiva entrata in vigore del Reddito di Cittadinanza, che richiederà ulteriori procedure di verifica.

L’esperienza dei lavoratori e delle lavoratrici assunti a tempo determinato è stata importante e ben condotta e ci sono ulteriori sfide per il futuro, come la gestione della piattaforma informatica GePi (Gestione dei Patti per l’Inclusione) fornita dalla Banca Mondiale. Per questo la settimana prossima è previsto un incontro presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali al fine di definire le future soluzioni.


Tre prospettive praticabili

Dal punto di vista tecnico, ha spiegato Sergio Avolio, ci sono tre prospettive praticabili per garantire continuità alle lavoratrici e ai lavoratori alla scadenza del 30 giugno. La prima: finanziare, con fondi nazionali, la proroga per un anno e mezzo delle attività finora coperte da fondi europei; su questo punto, però, c’è un problema di discontinuità nelle fonti di finanziamento che potrebbe pregiudicare la possibilità di prorogare le attività, un aspetto da approfondire con l’Area Personale. Una seconda possibilità punta a mantenere la stessa fonte di finanziamento originaria attraverso il Pon Inclusione; sono stati infatti individuati i fondi europei necessari, ma sarà l’incontro previsto la prossima settimana al Ministero a dire se si potranno appostare per questa misura. Una terza ipotesi, ha concluso il dirigente, riguarda un possibile emendamento al “Decreto milleproroghe”, che offre la possibilità di dare continuità alle attività, ma solo per un anno.

Al termine del dibattito, durante il quale sono intervenuti la consigliera Laura Bismuto (Misto) e il consigliere Diego Venanzoni (Partito Democratico), la commissione ha fissato un nuovo aggiornamento una volta avute delucidazioni su tutti questi aspetti.

 

Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*