Lavoratori socialmente utili, le ultime novità in commissione Lavoro

Al centro della riunione presieduta da Vincenzo Solombrino le decisioni sulla prosecuzione delle attività socialmente utili, la distribuzione presso i servizi e uffici dei Lavoratori Socialmente Utili stabilizzati e le tempistiche per la stabilizzazione degli altri lavoratori. Sono intervenuti il direttore generale Attilio Auricchio, l’assessora al Lavoro Monica Buonanno, la responsabile dell’Area Lavoro Paola Sparano e Carmen Olivieri responsabile dell’Area Risorse Umane.

Presente anche una folta delegazione di LSU

Sono 200 i Lavoratori Socialmente Utili già stabilizzati dal Comune di Napoli alla chiusura del 2019, un ottimo risultato, ha ricordato il presidente della commissione Lavoro Vincenzo Solombrino che attende ora di essere completato dalla stabilizzazione di tutta la platea – ancora 291 i lavoratori da assorbire – e dall’aumento per tutti dell’orario di lavoro da 30 a 36 ore settimanali. Il direttore generale Attilio Auricchio, dopo aver ringraziato gli uffici per lo straordinario impegno che ha reso possibile chiudere entro il 2019 la prima partita di stabilizzazioni, ha illustrato innanzitutto gli ambiti nei quali saranno impiegati i lavoratori assunti, seguendo il solco della delibera 480/2019 di aggiornamento dell’annualità 2019 del Piano triennale del fabbisogno del personale 2019/2021. Cimiteri, decoro cittadino, e pronto intervento verde, queste le aree di destinazione dei lavoratori, ai quali si aggiungono i messi notificatori e i lavoratori impiegati nei servizi generali come collaboratori scolastici (bidelli). Completano la platea i lavoratori con qualifica di personale amministrativo che saranno destinati alle Municipalità esclusivamente per i servizi di stato civile e anagrafe.

Lavoro complesso

Un lavoro molto complesso, questo della ripartizione del personale tra le Municipalità, che sarà completato entro la fine della settimana e che ha richiesto un’attività di valutazione alla luce del personale già disponibile sui territori. Per completare la stabilizzazione degli altri 291 lavoratori, un obiettivo che si intende realizzare entro la fine di quest’anno, si è già provveduto ad inviare al Dipartimento della Funzione pubblica la comunicazione sul fabbisogno di personale per il prossimo biennio, fissandolo a 291 unità. Un’indicazione che registra la volontà dell’Amministrazione di porre fine ad una lunga storia di precariato, incrociando il fabbisogno di personale comunale con la scelta di dare valore all’impegno svolto in questi anni da questi lavoratori. Un punto sottolineato con forza dall’assessora al Lavoro Monica Buonanno che ha chiarito, in risposta ad una domanda del consigliere Diego Venanzoni (Partito Democratico), che tutte le operazioni che riguardano gli LSU sono portate avanti nell’ambito di un’interlocuzione con la Regione, titolare del fondo nel quale confluiscono le risorse statali destinate a questi lavoratori. Ultimo delicato punto di discussione, la ricaduta della sentenza della Corte Costituzionale 4/2020 sulla delibera 6/2020 che ha portato a 36 ore settimanali l’orario di lavoro di tutti i lavoratori della platea. Rispondendo a Laura Bismuto (DemA), il direttore generale ha chiarito che a seguito della sentenza, e in mancanza di un bilancio di previsione già approvato, sono stati sospesi in via prudenziale tutti gli atti che comportano un aumento della spesa. Un’operazione che ha carattere transitorio e che attende una decisione del Governo centrale che consenta di rimodulare gli effetti della sentenza. Un provvedimento assolutamente necessario, che riguarda non solo il Comune di Napoli ma molti altri comuni, tra i quali figurano enti del nord come del sud Italia e amministrazioni finanziariamente sane. La commissione, ha annunciato il presidente Solombrino, sarà riconvocata sullo stesso tema non appena interverranno ulteriori novità.

 


Comune di Napoli Comunicati Stampa

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*