Aggiornamento sugli interventi per le persone senza fissa dimora

La commissione presieduta da Maria Caniglia ha svolto, con l’assessora al Welfare Monica Buonanno, un approfondimento sugli interventi per i senza fissa dimora e sull’avanzamento delle procedure relative alla sottoscrizione del protocollo di intesa con Asl e Intersos per le persone senza fissa dimora con problematiche di salute mentale.

L’assessora Buonanno ha aggiornato la commissione, rispondendo alle domande della presidente Caniglia e alle sollecitazioni delle consigliere Marta Matano (Mov. 5 Stelle) e Laura Bismuto (Misto) e del consigliere Vincenzo Moretto (Prima Napoli), innanzitutto sui più recenti interventi effettuati in diversi luoghi cittadini con la collaborazione dei servizi sociali, della Polizia Locale, dell’Asìa, e della Napoli Servizi, volti alla tutela dei senza fissa dimora e anche al riassetto di spazi monumentali, tra questi, quello presso la Galleria Umberto.

A tutela dei senza fissa dimora

Anche altri luoghi sono stati interessati da questo tipo di intervento, come corso Novara, il colonnato di via Morelli, piazza Cavour, piazza Medaglie d’Oro. Non è aumentato il numero dei senza fissa dimora, ha precisato l’assessora, anzi, l’aumento dei posti letto a disposizione – 270 in varie strutture -, il piano freddo con l’apertura di notte delle stazioni metro e l’intervento delle unità di strada hanno contribuito a limitare il fenomeno. Quelle che restano per strada sono prevalentemente persone che non accettano di essere indirizzate alle strutture. Gli interventi svolti, ha sottolineato l’assessora, sono comunque sempre improntati alla massima attenzione alle persone e alla tutela della loro dignità.

Volontari distribuiranno cibo e bevande

Una rilevazione quali-quantitativa del fenomeno delle persone senza fissa dimora con problematiche di salute mentale e una codificazione delle procedure da adottare sono, invece, i primi obiettivi che il Comune si propone di realizzare con l’accordo di collaborazione con l’Asl Napoli 1 e l’organizzazione non governativa Intersos: l’accordo sarà firmato, ha annunciato Monica Buonanno, il prossimo 7 febbraio.


Sempre in tema di tutela delle persone senza fissa dimora, già nei prossimi giorni, in esecuzione di una delibera del 2019, sarà attivato un modulo online con il quale le associazioni che a titolo volontario distribuiscono cibi e bevande possono segnalare la propria attività. Non si tratta di attuare controlli su questo tipo di solidarietà, che resta di carattere spontaneo, ma, piuttosto, di avere contezza, da parte del Comune, della tipologia di alimenti, dei luoghi e della frequenza di distribuzione di essi.

Accanto a questa iniziativa, infine, si pensa di riprendere l’idea di un “armadio sociale”, di uno o più luoghi nei quali possono essere depositati, sempre volontariamente, indumenti destinati a chi vive per strada.

 

Comune di Napoli Comunicati Stampa

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*