Consiglio Comunale: salta la discussione sul tema rifiuti

Dopo gli interventi su questioni urgenti, l’Aula ha votato a maggioranza la proposta dei consiglieri di opposizione di concludere i lavori a causa dell’assenza del sindaco Luigi de Magistris.

Il Consiglio Comunale, presieduto da Alessandro Fucito, si è riunito oggi in Via Verdi alla presenza di 28 consiglieri per la discussione monotematica sulla condizione dell’igiene urbana e sulla raccolta dei rifiuti in città. Ai sensi dell’articolo 37 del regolamento consiliare (questioni urgenti) sono intervenuti vari consiglieri. Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle) ha segnalato la presenza di informazioni su dati sensibili nell’Albo Pretorio, invitando alla correzione, la mancanza di dati sempre sull’Albo Pretorio rispetto alla cessione dei crediti di Asìa e la difficile situazione del traffico nella zona ospedaliera a seguito dell’incidente sulla Linea 1 della metropolitana, un tema sul quale, ha dichiarato il consigliere, l’Amministrazione avrebbe dovuto intervenire in aula per dare informazioni e illustrare le misure adottate. Marco Nonno (Misto – Fratelli d’Italia) ha sottolineato l’assenza di manutenzione degli immobili Erp, che rende la vita impossibile ai loro abitanti; un tema urgente che richiederebbe una seduta monotematica del Consiglio per chiarire i motivi di una gestione inadeguata da parte della Napoli Servizi. Nino Simeone (Agorà) si è soffermato sul parco di Marianella intitolato a Lino Romano, per conoscere i tempi di inizio dei lavori di riqualificazione, particolarmente attesi in un territorio degradato. Sull’incidente della metropolitana ha invitato ad attendere l’esito delle indagini in corso e ha sollecitato attenzione sui problemi creati dal semaforo cosiddetto “intelligente” posto all’incrocio tra Corso Arnaldo Lucci e Via Vespucci. Claudio Cecere (DemA) ha sottolineato la condizione di invivibilità creatasi nella zona ospedaliera a causa del traffico intenso causato dai problemi della Linea 1 e dalla chiusura di Via Marco da Torrepadula, chiedendo di elaborare un piano traffico ad hoc e rafforzare la presenza della Polizia Locale nell’area. Aniello Esposito (Partito Democratico) ha richiamato l’attenzione sull’assenza in aula del sindaco e del vicesindaco, che rendono impossibile ottenere risposte su un tema importante come quello dei rifiuti, con la proposta di sospendere la seduta in attesa del loro arrivo. Sulla proposta sono intervenuti diversi consiglieri, e dalla discussione è emersa una seconda ipotesi, formulata dal consigliere Vincenzo Moretto (Prima Napoli): concludere i lavori e fissare un’altra seduta sul tema. La proposta di Moretto è stata votata per appello nominale e respinta con 18 no, 15 sì e 3 astensioni. Sono quindi ripresi gli interventi ai sensi dell’articolo 37 con Marco Gaudini (Verdi-Sfasteriati), che ha ricordato l’episodio accaduto al Borgo Sant’Antonio Abate, luogo in cui vige un’anarchia totale e una violazione costante di tutte le regole di convivenza civile; il consigliere ha invitato l’Amministrazione a mettere in campo decise azioni di contrasto a ogni illegalità. La discussione, presieduta dal vicepresidente Salvatore Guangi, è continuata con l’intervento di Marta Matano (Movimento 5 Stelle) sul tema del ritiro dei contrassegni H, che nonostante l’impegno della nuova assessora al ramo, continua a registrare difficoltà. Gravi, ha denunciato la consigliera, sono anche la mancanza di personale negli archivi e nelle biblioteche comunali, molte delle quali sono alle prese con carenze logistiche, la difficoltà dei cittadini a ottenere il rilascio della carta d’identità e la situazione traffico nella zona ospedaliera. Andrea Santoro (Misto – Fratelli d’Italia) si è unito alla denuncia sulle criticità in cui versano molte biblioteche comunali, penalizzate soprattutto dalla mancanza di personale, sollecitando poi l’annullamento della procedura di assunzione di personale delle categorie protette messa in campo da Abc dopo i gravi errori procedurali compiuti, che potrebbero causare contenziosi. Federico Arienzo (Partito Democratico) è intervenuto sugli abbattimenti di alberi e sugli sbancamenti avvenuti negli ultimi anni anni nel vallone Gerolomini senza che le ripetute segnalazioni dei cittadini, in molti casi seguite da interventi della Polizia locale e provinciale, siano riuscite a impedirne la continuazione, e per questo ha chiesto di acquisire informazioni sulle misure adottate dalla Magistratura a seguito delle denunce. Terminata la fase delle questioni urgenti, ci sono stati diversi interventi sull’ordine dei lavori in merito alla possibilità di continuare la seduta in assenza del sindaco. Stanislao Lanzotti (Forza Italia) ha proposto di sospendere i lavori fino al primo pomeriggio per attendere l’arrivo del sindaco e, in caso di ulteriore assenza, terminare la seduta. Il vicesindaco Enrico Panini ha quindi informato che il sindaco non sarebbe intervenuto alla seduta a causa di impegni imprevisti. La proposta di interrompere la seduta è stata approvata a maggioranza

Nell’ora precedente si è svolto il question time, durante il quale Marco Nonno (Misto – Fratelli d’Italia) ha chiesto informazioni sulla riqualificazione di Viale Augusto e sull’immobile di Vico Zuroli confiscato e acquisito al patrimonio comunale. Ai quesiti ha risposto l’assessore al Verde e al Decoro urbano Luigi Felaco.

 


Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*