Bus Turistici e ZTL: approfondimento in commissione Mobilità

In commissione Mobilità si è svolta un’audizione dei dirigenti comunali competenti, dei tecnici di ANM, alla presenza dell’assessora al Turismo Eleonora de Majo, sui principali aspetti della delibera n. 10 approvata in Consiglio comunale lo scorso 29 marzo 2019 e che riguarda l’attuazione di misure a supporto della mobilità sostenibile e gli indirizzi per il “road pricing” in ambito urbano.

La commissione era stata convocata per oggi con un doppio ordine del giorno che prevedeva, oltre alla delibera n. 10, una discussione sulla sicurezza dei mezzi pubblici su gomma della società ANM S.p.a..

In seguito all’incidente di stamani lungo la linea 1 della Metropolitana, però, il presidente Simeone si è recato sul posto per verificare la situazione e i lavori sono iniziati sotto la guida del consigliere anziano Fulvio Frezza. I consiglieri Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle), Roberta Giova (La Città) e Vincenzo Moretto (Prima Napoli) hanno quindi lasciato i lavori, contestando l’assenza dell’assessore alla Mobilità Enrico Panini, dell’Amministratore Unico di Anm Nicola Pascale e dello stesso presidente, che avrebbe potuto comunicare alla Commissione la sua assenza e coinvolgerla nella sua iniziativa: questo rende impossibile un confronto politico sui temi all’ordine dei lavori.

La discussione sulla delibera sull’attuazione di misure a supporto della mobilità sostenibile e sugli indirizzi per il “road pricing” in ambito urbano era stata richiesta dai consiglieri Ciro Langella (Agorà) e Mario Coppeto (Napoli in Comune a Sinistra) per conoscere i tempi per l’attuazione e fornire un contributo alla definizione del disciplinare, così come ha spiegato il consigliere Langella.


Come ha illustrato l’architetto Ignazio Leone, direttore dell’Area Programmazione della Mobilità, dopo l’ approvazione della delibera è partito un gruppo di lavoro per la definizione delle ZTL per limitare l’accesso in città dei bus turistici. Sono tre le aree individuate: una centrale, corrispondente al Centro Antico, una nell’area di Castel Sant’Elmo al Vomero e una nell’area di Posillipo. È inoltre al vaglio del gruppo di lavoro il disciplinare che dovrà prevedere, tra l’altro, un piano di tariffazione sulla base del tipo di veicolo, del livello di emissioni, della dimensione, della fascia oraria e del periodo di permanenza. Saranno previste esenzioni per: mezzi per il trasporto pubblico urbano e extraurbano; mezzi delle forze dell’ordine; veicoli dotati di licenza di Noleggio Con Conducente rilasciata dal Comune di Napoli; bus turistici “Euro 6” a servizio di scolaresche; servizi di linea autorizzati (ad esempio Napoli City Sightseeing) e mezzi impiegati da produzioni cinematografiche.

Il nuovo Piano di Traffico entrato in vigore nelle festività natalizie – ha spiegato il direttore dell’Area Viabilità e Trasporto Pubblico Giuseppe D’Alessio – ha fornito l’occasione per sperimentare il funzionamento della ZTL, e si punta ad arrivare preparati ai nuovi flussi turistici previsti per il Maggio dei Monumenti. In questo regime transitorio, ha specificato l’ingenger Di Scala dell’ANM, non sono ancora previsti varchi telematici (ne serviranno almeno 20 una volta che il dispositivo sarà a regime) ma la registrazione su piattaforma informatica dei bus in ingresso in città durante le feste natalizie ha già prodotto ottimi risultati.

Nel dibattito, il consigliere Mario Coppeto (Napoli in Comune a Sinistra) ha ricordato come da tempo il suo gruppo politico abbia posto il tema del disciplinamento dei flussi di ingresso dei bus turistici in città, in linea con quanto avviene in tutte le altre realtà caratterizzate da un elevato sviluppo turistico: è giunto il momento di “industrializzare” questo processo contro ogni forma di spontaneismo, ha chiesto inoltre – ricevendo conferma dai tecnici del Comune – se il disciplinare prevede l’estensione della ZTL all’area di Capodimonte e se i parcheggi ANM “Garittone” e “Stella Polare” sono contemplati nel progetto, così come la possibilità di prevedere, nella ZTL di Sant’Elmo, un’area di scarrozzamento diversa da quella del piazzale di San Martino. Il Piano Traffico approvato dall’amministrazione comunale per le feste natalizie, ora prorogato fino a febbraio, continua a non tenere conto delle esigenze dei residenti della periferia est della città, costretti da mesi a percorrere via Marina lungo una carreggiata ristretta: è quanto ha denunciato Aniello Esposito (Partito Democratico) ricevendo rassicurazioni dal direttore D’Alessio sul completamento dei lavori entro il mese di marzo. Fulvio Frezza (Misto) ha ribadito l’importanza di prevedere nuovi incontri di commissione per un confronto costruttivo sul disciplinare; Diego Venanzoni (Partito Democratico) ha chiesto ulteriori chiarimenti sulle tariffazioni da applicare e sul disciplinamento dell’ingresso dei mezzi turistici in città.

L’assessora al Turismo Eleonora de Majo ha ricordato che il buon lavoro fatto finora su questo tema è dovuto al Consiglio comunale, e al ruolo svolto dalla Commissione nella fase preparatoria. Restano alcuni aspetti da approfondire ulteriormente, ha concluso, come la definizione di una tariffa per i mezzi a servizio delle produzioni cinematografiche, o di quelli per il trasporto di linea autorizzati, ma si tratta in definitiva di un dispositivo che è venuto incontro a esigenze significative per la tutela della qualità del turismo in città.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*