Viglione: “Il caporalato ancora ai margini del dibattito politico”

Così il consigliere regionale Vincenzo Viglione sulla sua pagina Facebook:

Il tema delicatissimo del caporalato, ma più in generale dello sfruttamento del lavoro e in esso della riduzione in schiavitù di ampissime platee di disperati, per lo più stranieri, sia comunitari che extracomunitari, nonostante il piede abbondante che abbiamo nel terzo millennio continua a restare pericolosamente ai margini dei dibattiti politici nel nostro Paese.

Qualcosa si muove

Le notizie di arresti sempre più frequenti come quella di pochi giorni fa in Calabria ci dicono che qualcosa si muove, ma gli oltre 400mila lavoratori a rischio in questo senso nel solo comparto agricolo ci dicono che come politica e istituzioni dobbiamo fare di più. Al di là del lavoro in ambito legislativo che pure ha avuto un certo slancio negli ultimi anni, è fondamentale dare molto più respiro a occasioni di sensibilizzazione e diffusione di dati importanti come quelli racchiusi in rapporti come “Agromafie e caporalato” di FLAI-CGIL che però sembrano troppo confinati alla nicchia degli addetti al settore.

Superare il recinto

Occorre superare questo recinto comunicativo per costruire una maggiore consapevolezza del problema e una presa di coscienza collettiva indispensabile per combattere tutti insieme un fenomeno che contrariamente a quanto si possa pensare interessa non solo l’agricoltura ma una immensa varietà di settori lavorativi.
Avremmo bisogno di una grande iniziativa di carattere nazionale entro cui far convergere tutti gli attori politici, economici, istituzionali e civici che possono dare un contributo a combattere una delle piaghe inaccettabile per l’epoca in cui viviamo quale è lo sfruttamento del lavoro.
E la potremmo chiamare “CAPORALIA”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*