A Napoli le pietre d’inciampo per non dimenticare i martiri del nazi-fascismo

ANCONA, 17 - "Pietra d'inciampo"

Martedì 7 gennaio alle ore 9.30 l’Assessore alla Cultura e al Turismo Eleonora de Majo, i proponenti Alfredo Cafasso Vitale e Nico Pirozzi con l’artista Gunther Demnig installeranno a piazza Borsa, all’altezza del civico 33, le pietre d’inciampo in memoria dei martiri napoletani del nazi-fascismo.

Le pietre della “Memoria”

L’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli ha accolto con favore nei mesi scorsi la proposta avanzata dai giornalisti Alfredo Cafasso Vitale e Nico Pirozzi di commemorare le vittime della barbarie nazi-fascista attraverso l’istallazione a Napoli delle cosidette Stolpersteine o pietre di inciampo. Le pietre di inciampo saranno dedicate alla memoria di Amedeo Procaccia, Iole Benedetti, Aldo Procaccia, Milena Modigliani, Paolo Procaccia, Loris Pacifici, Elda Procaccia, Luciana Pacifici, Sergio Oreste Molco, tutti membri della comunità ebraica di Napoli, costretti ad abbandonare le proprie case al momento della promulgazione delle leggi razziali per cercare rifugio altrove, tutti arrestati e deportati ad Auschwitz e assassinati dalla furia nazista.

L’artista che realizzerà l’installazione è il tedesco Gunther Demnig

Le sue creazioni, le Stolpersteine, avviate in Germania nel 1995, sono ormai presenti in numerose città europee, per depositare, nel tessuto urbanistico e sociale delle città , una memoria diffusa delle migliaia e migliaia di ebrei che furono deportati verso i campi di lavoro e prigionia e poi sterminati. Viviamo anni in cui il mondo sembra aver smarrito la memoria di quanto accaduto e rigurgiti di ideologie che nel passato hanno causato orrore e morte sembrano riaffiorare. Oggi più che mai diventa imprescindibile lasciare indelebili i segni di quanto accadde, i nomi, le date di nascita e quelle di morte, i luoghi in cui hanno vissuto le vittime della follia omicida di chi per motivi di razza, lingua, sesso, religione o condizione economica si è arrogato il diritto di eliminare milioni di esseri umani.

 


Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*