La strategia di Asìa per le festività: prelievi più numerosi e maggiori conferimenti

Durante il periodo natalizio sarà potenziato il servizio di svuotamento dei cestini stradali nelle vie principali della città. Richiesto anche il via libera per maggiori conferimenti. Restano però i problemi di personale e quelli collegati all’indebitamento di Asìa, che crea problemi con i fornitori. In commissione Ambiente, presieduta da Marco Gaudini, l’assessore all’Ambiente Raffaele Del Giudice e il direttore operativo dell’azienda di igiene cittadina Gianfranco Iodice hanno analizzato le principali criticità e le possibili soluzioni per assicurare un servizio efficiente nel lungo periodo.

Più prelievi durante il periodo delle festività, almeno dove l’affollamento delle strade lo consenta

Migliore distribuzione dei bidoncini per la raccolta di vetro, carta e plastica ai commercianti; una più stretta collaborazione con la cooperativa “25 Giugno” e gli Lsu nelle strade a maggior afflusso di turisti. È questa la strategia messa in campo per Natale dall’assessorato all’Ambiente e dall’azienda di igiene urbana Asìa, illustrata oggi in commissione Ambiente. La crisi della raccolta, ha spiegato l’assessore Raffaele Del Giudice, sembra ormai superata almeno nella sua fase più critica, dovuta prima al lungo stop dell’inceneritore di Acerra e poi a quello del sito di stoccaggio dell’ex area Icm di Via delle Brecce, al quale sono stati imposti lavori di adeguamento e che ha ripreso a funzionare per settori a mano a mano che vengono completati gli interventi prescritti. Quanto all’isola ecologica di Pianura, anch’essa interessata dalla chiusura e da prescrizioni di interventi, si tratta di un sito strategico in una zona di confine dove, come in tutte le aree periferiche, si registra una sovrapproduzione di rifiuti a causa degli sversamenti abusivi di residenti in Comuni limitrofi: una “pratica” da duemila tonnellate mensili. Mettendo in fila tutte queste difficoltà e aggiungendo l’aumento della produzione di rifiuti che interessa tutte le città italiane, in particolare quelle del Sud, e le risorse a disposizione, calcolate per far fronte alle necessità di un milione di abitanti al netto dei turisti e del considerevole numero di pendolari, si arriva alla crisi.

Strategie per il periodo natalizio

Per questo è già stato richiesto alla Regione di concedere a Napoli maggiori conferimenti e minori attese per i camion Asìa in fila per scaricare. Resta, però, il nodo della carenza di personale, aggravata dalle uscite per “Quota 100”, per un totale di 700 addetti in meno nell’arco di 5 anni, e le difficoltà con le piattaforme per la plastica, la carta, gli ingombranti e l’umido. In sostanza, ha concluso l’assessore, il nodo non sta nella raccolta ma nello scarico, che va assolutamente garantito alla città capoluogo in termini adeguati.

L’azienda soffre la carenza di personale

Sul fronte del personale, ha spiegato Gianfranco Iodice, direttore operativo di Asìa, si cerca di organizzare al meglio le risorse disponibili, cercando di impiegare i mezzi con un solo operatore laddove possibile e puntando sulle nuove spazzatrici acquistate con un finanziamento della Città Metropolitana, per sopperire alla carenza di addetti. Non va trascurato, poi, l’aspetto dell’esposizione debitoria dell’azienda, in difficoltà con i fornitori, soprattutto quelli che garantiscono servizi attraverso personale a cui non riescono a garantire gli stipendi. Lo sforzo organizzativo, però, non si ferma, in particolare nei giorni di festa, mentre per il lungo periodo è già stato presentato al Comune il piano di nuove assunzioni. Stefano Buono (Verdi-Sfasteriati) ha chiesto rassicurazioni sull’eliminazione delle maggiori sofferenze, come quella di Via Papiri Ercolanensi a Ponticelli, e sulla predisposizione di un piano di assunzioni da parte dell’azienda, che non riesce ad assicurare servizi di qualità anche per la mancanza di personale. Per Francesco Vernetti (DemA) va completata la rimozione delle campane da Via Toledo, diventate ormai sede di sversamenti di rifiuti di ogni tipo, sostituendole con altri strumenti adeguati che garantiscano la differenziazione dei rifiuti da parte dei commercianti.


 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*