“Monumentando” e “ReStart Scampia” il punto oggi in commissione Trasparenza

Doppio appuntamento oggi in commissione Trasparenza, presieduta da Domenico Palmieri, che in una lunga riunione ha affrontato due argomenti: la situazione del progetto “Monumentando”, alla luce della recente sentenza del Consiglio di Stato, e lo stato dei lavori per l’abbattimento delle Vele di Scampia, nell’ambito del piano “ReStart Scampia”. Sono intervenuti il Segretario Generale Patrizia Magnoni, l’assessore alle Politiche Urbane Carmine Piscopo, i tecnici delle Aree Urbanistica e Trasformazione del Territorio, il presidente della Municipalità VIII, Apostolos Paipais.

Il punto sui progetti

Il presidente Domenico Palmieri ha ricostruito, introducendo i lavori, la lunga vicenda del progetto “Monumentando”, iniziata con un bando del 2013 e conclusasi con una sentenza del Consiglio di Stato che, confermando una sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale, ha definitivamente chiuso la questione, individuando responsabilità dell’amministrazione comunale per una non corretta applicazione della disciplina della sponsorizzazione. Nel merito il presidente Palmieri ha chiesto chiarimenti all’assessore alle Politiche Urbane Carmine Piscopo e ai tecnici del servizio Valorizzazione della Città Storica, gli architetti Fabio Vittoria e Monica Michelino.

L’Assessore ha ricordato gli adeguamenti effettuati da parte degli uffici dopo i rilievi dell’Autorità Nazionale Anticorruzione – adeguamenti che hanno prodotto due verbali di sottomissione sottoscritti dall’impresa – e spiegato la genesi della determina dirigenziale che, recependo prescrizioni della Soprintendenza sui lavori alle Torri Aragonesi, ha esteso, secondo il criterio del “quinto d’obbligo”, tali prescrizioni anche alle altre opere previste nel progetto di restauro. Su tutti questi atti è intervenuta la sentenza del TAR, riconfermata dal Consiglio di Stato, che ha dato una interpretazione differente annullando definitivamente i provvedimenti dell’amministrazione comunale. L’architetta Michelino, Responsabile Unico del Procedimento, si è soffermata sulle motivazioni della sentenza del TAR che ha rilevato che il Comune non avrebbe adeguatamente valutato l’entità del ritorno di immagine della società selezionata per il restauro di 27 monumenti cittadini.

Allo stato, ha concluso, sono nove le opere completate

Sulle interpretazioni delle sentenze e sull’entità del “ritorno di immagine” per la società affidataria è intervenuta la consigliera Marta Matano (Movimento 5 Stelle); il consigliere Vincenzo Moretto (Prima Napoli) ha evidenziato che l’errore dell’amministrazione comunale, in questo caso, è stato quello di non aver agito perseguendo adeguati utili economici, e ha ricordato sue precedenti interrogazioni e Question Time sulla vicenda e sulla pubblicità che la società ne ha tratto. La consigliera Roberta Giova (La Città) ha chiarito che il problema è stato quello di una errata qualificazione, da parte dell’amministrazione comunale, della disciplina che doveva regolare la procedura (non sponsorizzazione ma affidamento in concessione di spazi pubblicitari) e ha espresso preoccupazione per il contenzioso importante che, in seguito alla sentenza del Consiglio di Stato, si produrrà con la società affidataria dei lavori. Il consigliere Diego Venanzoni (PD), evidenziando che ormai la procedura si è conclusa e che forse si poteva provare ad intervenire in corso d’opera per ottenere maggiori introiti per l’amministrazione comunale, ha auspicato che non si ripetano gli stessi errori ora che ci si accinge ad approvare il regolamento per gli impianti pubblicitari.


La commissione ha poi affrontato il tema dell’avanzamento dei lavori nell’ambito del progetto “ReStart Scampia”

Il presidente Palmieri ha chiesto chiarimenti su ritardi che si sono accumulati per l’abbattimento della “Vela Verde” e se questo comporta dei rischi per i fondi stanziati. L’assessore Piscopo, prima di lasciare i lavori per altri impegni istituzionali, ha spiegato che, dopo l’affidamento dei lavori avvenuto lo scorso 8 luglio, è stato necessario avviare la procedura per ottenere, da parte dell’ASL, le autorizzazioni a trattare materiali contenenti amianto, autorizzazione che è giunta il 9 dicembre. Ciò comporterà uno slittamento di 60/65 giorni nei tempi di abbattimento della Vela che secondo il cronoprogramma doveva avvenire entro il prossimo 8 gennaio 2020.

Il conoprogramma

Sul rispetto del cronoprogramma, il presidente della Municipalità VIII, Apostolos Paipais, ha chiesto l’istituzione di un tavolo di concertazione tra Municipalità e amministrazione centrale proprio per essere informati sull’andamento dei lavori e poter adeguatamente comunicare con i cittadini e con i comitati del territorio; Paipais ha inoltre chiesto se questi slittamenti inficeranno l’abbattimento delle altre Vele e i finanziamenti stanziati.

Nel dibattito sono intervenuti i consiglieri: Rosario Andreozzi (DemA) che ha ritenuto anomala la convocazione della commissione Trasparenza sul tema dell’abbattimento delle Vele, non trattandosi di questioni che attengono ad atti o a procedure amministrative; il consigliere Moretto (Prima Napoli) che ha chiarito che invece i temi trattati oggi – e cioè i ritardi che si registrano rispetto al cronoprogramma per l’abbattimento delle Vele – riguardano certamente le competenze della Commissione. Lo stesso presidente Palmieri ha rivendicato la competenza a trattare con rigore istituzionale e nelle sedi opportune i temi che di volta in volta vengono posti all’attenzione della Commissione Trasparenza, con il solo scopo di dare un contributo alla discussione, senza pregiudizi.

I fondi non andranno dispersi

Sul tema dei finanziamenti Massimo Santoro, dirigente del servizio Pianificazione Urbanistica Attuativa, ha chiarito che i fondi non si perderanno, e che, per i fondi del Patto per Napoli, il termine per l’obbligazione giuridicamente vincolante è il 31 dicembre 2022. Santoro ha poi risposto alle numerose richieste di chiarimenti da parte dei consiglieri intervenuti (Marta Matano; Nino Simeone di Agorà) sulle procedure operative, sulle prossime scadenze e sulla articolazione dei lavori. Si è discusso inoltre del problema degli abitanti delle altre Vele e delle prospettive per la loro ricollocazione. Un aspetto, quest’ultimo, che attiene – ha spiegato il consigliere Andreozzi – a una precisa scelta politica dell’amministrazione e a un preciso modello di visione del territorio sul quale si è avviata una interlocuzione con il Governo centrale.

 

Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*