Confronto in commissione Trasparenza oggi sulla fine del commissariamento di ABC

Convocata sul tema dell’esecuzione del contratto di servizio dell’azienda speciale Acqua Bene Comune, la commissione Trasparenza, presieduta da Domenico Palmieri, ha discusso a lungo sulla necessità di superare il commissariamento in capo a Sergio D’Angelo, che ha detto di aver già formalizzato tale proposta al Sindaco nel corso del 2018. Secondo il consigliere Brambilla (Movimento 5 Stelle) il perdurare dell’incarico viola le previsioni dello Statuto della società, mentre il Segretario generale ha ribadito che la scelta rientra nella discrezionalità del primo cittadino.

Una violazione dello Statuto di ABC, che prevede la possibilità del commissariamento solo in via temporanea, come dettato dall’articolo 8

Una possibilità attribuita al Sindaco in base al regolamento in materia di nomine approvato nel 2014 dal Consiglio comunale. Le diverse letture della situazione del commissariamento hanno costituito uno dei passaggi principali della lunga riunione dedicata dalla commissione Trasparenza all’esecuzione del contratto di servizio di ABC, con particolare riferimento all’attività riguardante la rete fognaria. Il commissario straordinario di ABC Sergio D’Angelo, nominato nell’agosto 2017, ha dichiarato di aver comunicato al Sindaco la possibilità di mettere fine al commissariamento già a partire dalla fine del 2018. Una scelta che però, come ha precisato il Segretario generale Patrizia Magnoni, resta esclusivamente in capo al Sindaco. Diversa la valutazione del consigliere Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle), che ha ricordato come secondo lo Statuto l’incarico può avere solo un carattere temporaneo in attesa della nomina del Consiglio di Amministrazione. Ben può de Magistris, secondo il presidente Palmieri, confermare la fiducia a D’Angelo, nominandolo, però, presidente del Consiglio d’amministrazione.

Rispettato il referentum sull’acqua pubblica

Con la costituzione di ABC e la realizzazione del ciclo integrato delle acque, ha ricordato l’assessore all’Ambiente Raffaele Del Giudice, presente alla riunione, Napoli ha rispettato il referendum sull’acqua pubblica, dando vita a un salto di qualità nella gestione della rete fognaria. Una rete, non va dimenticato, antica e non adeguata a contenere l’impatto dei fenomeni meteorologici eccezionali degli ultimi anni. La manutenzione esiste, così come la programmazione, ma per avere una rete moderna adeguata occorrerebbe un piano straordinario di investimenti che un ente locale non è in grado di sostenere con le proprie forze, a fronte dei tagli milionari subiti progressivamente. D’Angelo ha poi ricostruito tutta l’attività successiva all’inizio del commissariamento, in particolare i passaggi connessi agli investimenti sugli impianti di sollevamento e sulla rete, a cui non sono seguiti aumenti nelle tariffe. In questi mesi si continua a lavorare in collaborazione con il Servizio comunale competente in vista del completamento del passaggio di tutta la gestione della rete e degli impianti, ma va sottolineato che l’impegno di ABC è stato sostenuto con risorse proprie e a costi invariati per gli utenti. In questi mesi, ancora, si è anche lavorato alla richiesta di trasferimento dalla Regione dell’impianto di depurazione di Napoli Est. Il dirigente del Servizio Ciclo integrato delle acque Salvatore Iervolino ha ricordato che il passaggio delle competenze ad ABC non è ancora completo, così come quello della quota di tariffa riscossa dall’azienda per conto del Comune. Manca il passaggio della competenza in materia di fognatura privata, e a questo sono dedicate le 35 professionalità in capo al Servizio centrale, a cui fanno riferimento anche le attività riguardanti i lavori agli impianti di Camaldoli, Volla e Via Marina e quelli ereditati dai vecchi commissariamenti del sottosuolo.

Salto di qualità per la città con il passaggio della gestione dell’intero ciclo idrico ad ABC

Fino al 2018 altri 150 lavoratori erano dislocati nelle Municipalità; poi sono stati spostati su altri incarichi, sempre sui territori. Nel dibattito successivo, i consiglieri hanno espresso opinioni diverse rispetto ai miglioramenti intervenuti a seguito del passaggio di competenze nella gestione della rete fognaria ad ABC. Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle) ha ribadito che la mancanza di investimenti adeguati da parte di ABC va ricercata nel mancato riconoscimento da parte del Comune di 14 milioni di utili, erroneamente non riconosciuti alla società da parte del Comune nel 2014 come accertato dalla Corte dei Conti. La diversa titolarità di competenza fino ad aprile 2019 relativamente alla rete idrica e a quella fognaria comporterà poi la necessità di operare conguagli che potrebbero determinare aumenti nelle tariffe. Nino Simeone (Agorà) ha parlato di salto di qualità per la città con il passaggio della gestione dell’intero ciclo idrico ad ABC. A questo contribuisce sicuramente l’elevata professionalità dei lavoratori dell’azienda, ma resta assolutamente da superare la stagione del commissariamento e definire un percorso che restituisca autonomia di scelta alla società. Mario Coppeto (Napoli in Comune a Sinistra) ha chiesto di conoscere tutti i contenuti del passaggio del personale e delle attività dai servizi comunali ad ABC e le modalità attuali di impiego del personale addetto alla gestione della rete fognaria ancora in capo all’Amministrazione. Per Andrea Santoro (Misto-Fratelli d’Italia) esiste ancora una grande confusione, e per questo occorre uscire al più presto dalla fase di transizione, assicurando ai cittadini un censimento efficace e una manutenzione costante della rete fognaria per evitare che a ogni pioggia intensa seguano allagamenti di strade. Secondo Vincenzo Moretto (Prima Napoli) non è assolutamente evidente alcun vantaggio connesso al passaggio delle competenze della rete ad ABC. Finanziamenti cospicui e commissariamenti hanno sempre caratterizzato questo settore senza mai offrire ai cittadini una rete efficiente, ed è quindi ora di porre fine al commissariamento e assicurare i servizi che mancano.


 

Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*