La commissione Trasparenza sulle procedure di nomina nelle società partecipate

La commissione Trasparenza, presieduta da Domenico Palmieri, dopo essersi occupata delle criticità per le notifiche dei verbali, ha incontrato Cinzia D’Oriano, vicesegretario generale responsabile per la Trasparenza, e Lucia Di Micco, vicecapo di Gabinetto, per un confronto sulle procedure di nomina degli amministratori di alcune società partecipate del Comune.

Anomali su procedure nomina amministratori

Esistono anomalie nelle procedure di nomina degli amministratori nelle società partecipate che richiedono un approfondimento con gli uffici competenti. Così il presidente Palmieri ha introdotto i lavori, e ha fatto riferimento a tre casi specifici: la recente nomina della Presidente della società Asìa; la nomina del commissario straordinario dell’ABC, risalente ormai a più di due anni fa e mai seguita da una procedura di nomina di un nuovo Consiglio di Amministrazione, peraltro in violazione dello stesso statuto della società; infine, l’anomalo avvio di una richiesta di candidature per la presidenza della Mostra d’Oltremare quando è ancora in carica l’attuale presidente che ha annunciato le sue dimissioni, ad oggi non ancora formalizzate.

In particolare, sulla vicenda della presidente di Asìa, Maria De Marco, già assessora alla Municipalità 8 e candidata non eletta alla presidenza della stessa Municipalità, Palmieri ha evidenziato perplessità sulla procedura di nomina in base ad alcuni riferimenti normativi: l’articolo 7 comma 2 della legge 39/2013 (Inconferibilità di incarichi a componenti di organo politico di livello regionale e locale ) e l’articolo 4 comma 1 del Regolamento per le nomine, designazioni e revoche di rappresentanti del Comune presso Enti, Aziende, Società (Cause di incompatibilità ed esclusione).

Mostra d’Oltremare

Il consigliere Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle) ha parlato di un vulnus nel Regolamento, che non chiarisce la situazione degli eletti o dei candidati nelle Municipalità. Vincenzo Moretto (Prima Napoli) ha invece evidenziato una chiara incongruenza tra i requisiti richiesti nel bando pubblico per la presidenza di Asìa e il rispetto di quei requisiti nella nomina effettuata.


Cinzia D’Oriano, vicesegretario generale, ha chiarito che le fattispecie individuate dalla legge 39/2013 non comprendono le Municipalità; trattandosi di una legge restrittiva, non possono in nessun caso prevedersi interpretazioni estensive o per analogia. In questo senso, ha concluso, si è pronunciata anche l’Autorità Anticorruzione.

Lo stesso criterio restrittivo di interpretazione, ha concluso, va applicato al Regolamento comunale

Sulla richiesta di candidature alla presidenza della Mostra d’Oltremare prima della formalizzazione delle dimissioni dell’attuale presidente, Lucia Di Micco, vicecapo di Gabinetto, ha chiarito che non si tratta di una procedura anomala e che ci sono precedenti in tal senso. Peraltro, ha concluso, non si tratta di un concorso pubblico e non si ravvedono lesioni di situazioni soggettive giuridicamente tutelate per i potenziali candidati. Sulla nomina della nuova presidente di Asìa, ha specificato che si tratta di una scelta discrezionale del sindaco che, in qualità di organo decidente, stabilisce l’adeguatezza dei requisiti dei candidati. Ha infine ricordato che l’attuale Regolamento sulle nomine è stato approvato dal Consiglio comunale nel 2014 ed è per certi versi ancora più restrittivo della norma.

Sulla situazione di ABC, Di Micco, rispondendo ad alcune richieste di chiarimento della consigliera Laura Bismuto (Dema), ha spiegato che la nomina di un commissario, e cioè di un organo straordinario, non riguarda le fattispecie disciplinate dal Regolamento, e la scelta rientra nella discrezionalità del sindaco.

 

Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*