Dibattito in commissione Trasparenza sulla notifica delle contravvenzioni

La commissione Trasparenza, presieduta da Domenico Palmieri, ha affrontato oggi la tematica della notifica delle contravvenzioni e delle procedure di selezione e formazione del personale che dovrà essere assunto dalla società vincitrice dell’appalto, definito nel 2017.

Perplessità nascono, ha spiegato nel corso della riunione il presidente Palmieri, dal percorso scelto per la selezione di personale che, anche se dipendente da una ditta privata, eserciterà comunque una funzione pubblica: quella della notifica di atti giudiziari, quali sono le contravvenzioni al Codice della Strada.

Nuova procedura di notifica, più economica e sicura

Il dirigente del servizio Gestione sanzioni amministrative Gaetano Camarda ha ripercorso le diverse tappe del percorso che consentirà al Comune di notificare, attraverso i messi che la società Soes metterà a disposizione, le contravvenzioni al Codice della Strada; il nuovo sistema consentirà un notevole risparmio di costi: si passerà dai 9,50 euro per ogni notifica a mezzo posta – finora è Poste Italiane l’unico gestore di tale servizio – a 5,88 euro. Ci si attende, con l’attivazione del servizio di notifica a casa, di passare dall’attuale percentuale di verbali notificati, pari al 76%, a una percentuale tra l’80 e l’85%. Il servizio di notifica attraverso messi sarà attivato alla conclusione delle procedure in corso per l’attribuzione alle persone messe a disposizione dalla Soes della qualifica di “messo”. Secondo il capitolato d’appalto della gara con cui è stato aggiudicato il servizio, è previsto che la stessa società possa mettere a disposizione propri dipendenti, appositamente formati, per effettuare le notifiche. Ciò avverrà, comunque, dopo un esame di idoneità davanti a una commissione, composta dal dirigente del Servizio comunale e da altri due componenti del settore Sicurezza. Una sentenza della Corte di Cassazione del settembre 2019 ha poi sancito definitivamente che la funzione di “messo comunale” possa essere esercitata da persone che non sono dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Sarà un servizio senza rapporto di lavoro con il Comune

Su questo, Patrizia Magnoni, segretario generale del Comune, ha precisato che, trattandosi di un servizio, nessun rapporto di lavoro viene instaurato con il Comune.


Camarda ha anche riferito di consultazioni con l’Avvocatura comunale. Le 40 persone che hanno già svolto una formazione presso un ente accreditato dalla Regione Campania frequenteranno un corso integrativo di 10 ore. Dopo l’esame, il Comune attribuirà la funzione di “messo” abilitato alla notifica di tutti gli atti comunali, e non solo delle contravvenzioni.

Nel corso della riunione, numerose obiezioni sono state sollevate dai consiglieri intervenuti; non tanto sull’intera procedura, quanto sul tema specifico delle modalità scelte dalla Soes per reclutare gli aspiranti “messi” e sulla formazione effettuata.

Vincenzo Moretto (Prima Napoli) si è soffermato sul fatto che i “messi”, pur non essendo dipendenti del Comune, comunque lavoreranno secondo le direttive impartite dagli uffici comunali, il che costituisce un rischio per future vertenze.

Perplessità sui “messi”

Per Diego Venanzoni (PD) c’è stata una anomalia nel reclutamento (con una procedura informatica aperta e chiusa nel corso di una notte estiva, procedura poi annullata) ma, soprattutto, non sono stati fatti tutti gli accertamenti necessari sulla formazione, che non poteva essere svolta da enti accreditati presso la Regione Campania, ente che nel proprio catalogo non contempla la figura del messo notificatore; si sarebbe dovuto, invece, far riferimento alle apposite Linee Guida del ministero di Grazia e Giustizia. Dovendo i “messi” svolgere una funzione pubblica, maggiore attenzione si sarebbe dovuta prestare alla loro qualificazione. Della stessa idea Salvatore Guangi (Forza Italia) e Carmine Sgambati (Agorà): la procedura poco chiara adottata da Soes con la piattaforma informatica doveva essere censurata con maggiore determinazione.

Su questi aspetti sono stati forniti chiarimenti dal dirigente Camarda e dal vicesindaco Panini. Il giorno dopo la segnalazione della discutibile modalità scelta dalla società per il reclutamento, il Comune ha chiesto e ottenuto l’annullamento della procedura, proponendo che le candidature fossero raccolte in maniera ordinaria. Quanto alla formazione, si è proceduto secondo la norma, la quale prevede che a effettuare la formazione sia un soggetto accreditato. Solo alla fine del percorso il Comune interviene per valutare l’idoneità delle persone individuate e formate a spese dalla società per conferire loro, con un esame davanti a un’apposita commissione, la funzione di “messo”. Nel concludere il proprio intervento, Panini ha ricordato che alla base di molte scelte c’è la carenza di personale comunale, tant’è vero che la stabilizzazione dei Lavoratori Socialmente Utili, da poco decisa in Consiglio comunale, prevede che una buona parte di essi sia destinata proprio alla funzione di “messo” comunale.

 

Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*