È nata l’Agenzia Sociale per la Casa

La commissione Welfare, presieduta da Maria Caniglia, ha incontrato oggi l’assessora Monica Buonanno, che ha illustrato le funzioni dell’Agenzia Sociale per la Casa, la cui attività sperimentale è partita ieri.

Uno strumento di supporto alle persone e ai nuclei familiari in condizioni di povertà abitativa ma anche di povertà economica connessa alla mancanza di lavoro, che punta a delineare non solo percorsi di accompagnamento all’abitare, attraverso un contributo economico fornito dall’amministrazione, ma individua soprattutto servizi e misure per rispondere adeguatamente ai fabbisogni espressi dai richiedenti. E’ questo l’elemento di novità e di forza della neo costituita Agenzia Sociale per la Casa, illustrata oggi dall’assessora Buonanno.

Agenzia Sociale per la Casa

L’Agenzia – ha proseguito l’Assessora – rappresenta un’ importante novità nella gestione diretta dei fondi europei da parte del Comune, in qualità di organismo intermedio. Per questo è stata istituita una apposita Unità Operativa Autonoma presso il servizio Politiche per la Casa, che opererà con il supporto di figure specializzate del settore, appartenenti all’Associazione Temporanea di Imprese (ATI) che si è aggiudicata il bando europeo indetto prima dell’estate. Ispirata al principio dell’ Housing Led – ha precisato – una delle linee di intervento dell’Agenzia Sociale per la Casa riguarda certamente i percettori di Reddito di Cittadinanza, ma saranno i Servizi Sociali Territoriali ad intercettare i potenziali beneficiari di un percorso di accompagnamento da indirizzare all’Agenzia, che opererà attraverso una sede centrale in piazza Cavour, presso il servizio Politiche per la Casa,e attraverso sportelli nelle Municipalità.

Nata grazie ai finanziamenti del Pon Metro 2014 – 2020

Diverso è invece l’approccio dell’Housing First, ha chiarito infine l’assessora Buonanno, che riguarda una fascia sociale di destinatari ancora più fragile, specificamente i senza fissa dimora. Si tratta in questo caso di un tema complesso, che chiama in causa anche l’ASL e le associazioni che operano nel settore, e richiede protocolli operativi e pacchetti di soluzioni che vedano nella casa solo una delle soluzioni – e non necessariamente la prima – per uscire dalla marginalità.


È seguita una lunga discussione di approfondimento, nel corso della quale il consigliere Vincenzo Moretto (Prima Napoli), pur apprezzando l’istituzione dell’Agenzia Sociale per la Casa, ha espresso forti perplessità sulla effettiva capacità di rendere concreta la sua azione, in un contesto nel quale da anni sono ferme le graduatorie per gli aventi diritto agli alloggi popolari e non si procede alle volture.

Housing First dedicato ai senza fissa dimora

Al Responsabile Unico del Procedimento per l’Agenzia Sociale per la Casa, Giovanna Cozzolino e a Federica Colucci, dell’assessorato al Welfare, la consigliera Alessia Quaglietta (Partito Democratico) ha chiesto chiarimenti sulle procedure di presa in carico dell’Agenzia, e sui criteri seguiti dall’amministrazione per l’Housing First. La consigliera Marta Matano (Movimento 5 Stelle) è intervenuta sulle modalità di individuazione degli alloggi e sui tempi di erogazione del contributo (il fondo assegnato ammonta a 800.000 euro): chiarito, da parte del Rup, che in questa prima fase di sperimentazione non verranno ancora erogati contributi economici; Laura Bismuto (Dema) ha infine evidenziato la necessità di un ulteriore confronto con l’ATI aggiudicataria del bando europeo che affiancherà il personale del Comune.

 

Comune di Napoli Comunicati Stampa

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*