La commissione Pari Opportunità, presieduta da Francesco Vernetti, ha incontrato oggi i componenti del Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità del Comune di Napoli, presieduto da Giuseppina Cesarelli, e le lavoratici e i lavoratori del Comune impegnati in prima linea per il contrasto alla violenza contro le donne. Sono intervenute le assessore Francesca Menna e Monica Buonanno, il dirigente del Servizio Giovani e Pari opportunità Giuseppe Imperatore e la responsabile dell’Unità Operativa Tutela Emergenze Sociali e Minori, capitano Sabina Pagnano.

Lavoratrici e lavoratori in prima linea nella lotto contro la violenza sulle donne

 

Un video proiettato in una affollata Sala Nugnes, con la toccante testimonianza di una delle tante donne ospiti di una struttura protetta del Comune di Napoli. È così che sono iniziati i lavori della commissione Pari Opportunità, nella quale – come ha introdotto il presidente Vernetti – l’obiettivo era “invertire” le parti. Sono stati i lavoratori e le lavoratrici a intervenire per primi, raccontando la loro esperienza quotidiana sul fronte della violenza di genere.

Le assistenti sociali Marina D’Alterio, Mena Murolo e Lara Cirillo hanno spiegato con passione il loro lavoro

Sono oggi 40 le donne che seguono un percorso di protezione, e 43 i bambini coinvolti. Queste le linee di intervento seguite: accoglienza nell’unica casa del Comune, “Casa Fiorinda”, o nelle altre 6 case convenzionate, e un progetto, denominato “Semi di autonomia”, che individua percorsi di fuoriuscita al termine del periodo di protezione. Fondamentali sono i finanziamenti, soprattutto quelli europei, che garantiranno continuità alla rete delle case di accoglienza per altri tre anni.

I numeri forniti da Giovanni Russo, responsabile del Consorzio Terzo Settore che gestisce i 5 Centri antiviolenza (Cav) e i 4 Sportelli di ascolto del Comune, restituiscono una realtà sulla quale occorre riflettere: nel solo periodo che va dal 15 agosto al 13 ottobre 2019 il numero verde attivato ha registrato 2449 contatti, per un totale di 1322 minuti di conversazione. È necessario – ha chiesto Russo con forza alla commissione – che l’attività dei Cav possa contare sulla continuità dei finanziamenti e sul mantenimento di quei servizi, come il numero verde, che non possono essere chiusi e riattivati a ogni cambio di gestione.

Giuseppe Imperatore, dirigente del Servizio Giovani e Pari opportunità, ha illustrato il grande lavoro svolto per garantire l’apertura dei Cav per tutto l’anno; è tuttavia necessario destinare adeguate risorse nel bilancio comunale: solo così si può assicurare la giusta continuità a un servizio così essenziale.

È dagli interventi sui minori che spesso si parte per svelare storie di violenza domestica, ha spiegato Sabina Pagnano, capitano della Uotesm

Le implicite richieste di aiuto delle madri hanno fatto sì che la Polizia Locale potesse attivare una serie di interventi in coordinamento con i servizi sociali territoriali. È necessario comunicare e diffondere quanto più possibile gli strumenti che le donne hanno a disposizione per denunciare: da qui gli incontri nelle scuole e in altre strutture di prossimità, la realizzazione di vademecum informativi, protocolli di reperibilità e, fiore all’occhiello della realtà napoletana, una “stanza dell’ascolto” dove è possibile raccogliere le testimonianze delle donne in un clima protetto.

Codice Rosso

È necessario comunicare per accorciare le distanze tra le denuncianti e le istituzioni, ma soprattutto, ha precisato il maresciallo Fabrizia Pittari della Uotesm, occorrono interventi qualificati sin dal momento della denuncia. Il maresciallo Carmine Santangelo ha invece ricordato gli aspetti normativi della violenza contro le donne, evidenziando le diverse applicazioni del recente “Codice Rosso”.

Nel dibattito sono intervenuti il consigliere Sergio Colella (Dema), per il quale anche la comunicazione sulla rete può essere fondamentale per diffondere le giuste informazioni su come denunciare e chiedere protezione.

Il lavoro è la parola chiave per consentire alle donne di uscire definitivamente dalle loro storie di violenza

Lo ha spiegato la consigliera Chiara Guida (Dema). Occorre mettere in rete e valorizzare le competenze che operano nel campo, e ragionare su provvedimenti e su politiche non emergenziali ma strutturali, a partire dall’educazione di genere nelle scuole.

Nel suo intervento l’assessora al Welfare Monica Buonanno ha evidenziato l’importanza, anche nel caso delle donne vittime di violenza, di un’azione politica integrata su target specifici, capace di mettere in rete i diversi ambiti di azione dell’amministrazione. La neo assessora alle Pari opportunità Francesca Menna ha apprezzato il prezioso lavoro fatto finora per la lotta alla violenza contro le donne e si è impegnata a valorizzare e potenziare ulteriormente le linee di intervento già attive.

 

Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*