Consiglio Comunale di Napoli. Approvate tutte le delibere in programma

Presieduto da Alessandro Fucito, il Consiglio comunale ha approvato, dopo aver respinto una “pregiudiziale”, la delibera sui debiti fuori bilancio. Approvate anche, dopo che le opposizioni hanno lasciato i lavori, le delibere proposte su la variazione di bilancio per il nuovo contratto di Napoli Servizi, la delibera sull’affidamento della riscossione all’Agenzia delle Entrate, la modifica al Documento Unico di Programmazione, la presa d’atto del finanziamento dal piano strategico di Città Metropolitana. La seduta si è conclusa con l’approvazione della delibera sul Bilancio consolidato 2018.

Approvate tutte le delibere

 

L’Aula ha iniziato l’analisi della delibera (G.C. n. 376 de 01.08.2019) che propone al Consiglio il riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio manifestatisi dal 1° gennaio al 30 aprile 2019.

Sulla delibera, il Movimento 5 Stelle ha presentato una “pregiudiziale”, illustrata dal consigliere Matteo Brambilla. Come altre volte evidenziato, ha spiegato il consigliere Brambilla, è grave che i debiti fuori bilancio siano considerati una normalità da questa amministrazione. La richiesta di sospendere la discussione sulla delibera si basa sul mancato rispetto delle procedure e dei tempi previsti dal regolamento per la disamina di questo tipo di atto, arrivato peraltro incompleto alle commissioni. Si evidenzia, inoltre, una difformità tra i dati riportati nella delibera e quelli riportati nell’assestamento di Bilancio; non sussistono inoltre i motivi di urgenza. In conclusione la discussione in Aula si palesa come irragionevole, illegittima e inopportuna. E’ inaccettabile, infine, che questi atti vengano utilizzati per ricattare le opposizioni in quanto la mancata approvazione impedirebbe l’assunzione di personale: il gruppo Movimento 5 Stelle non parteciperà quindi ai lavori di oggi.


Dopo l’intervento della presidente della commissione Bilancio Manuela Mirra, che non ha ravveduto gli elementi segnalati nella pregiudiziale, e ha confermato che, nonostante una difficoltà nella consultazione degli allegati, la commissione ha potuto approfondire in diverse occasioni le delibere proposte, il Consiglio ha ascoltato la replica dell’assessore Panini.

L’assessore ha chiarito che l’approvazione della delibera consente di rateizzare entro il 30 novembre le somme dovute. Inoltre, quanto alle altre delibere proposte, va precisato che la data per l’esame delle richieste di assunzioni da parte della commissione ministeriale è il 26 novembre. In ragione, dunque, del naturale evolversi delle questioni, nel rispetto del dibattito e delle discussioni, quella di oggi è l’unica data per una approvazione delle delibere. I debiti fuori bilancio, ha concluso, sono sottoscritti dai dirigenti sotto la propria responsabilità, e la pregiudiziale non propone al Consiglio ragioni valide per la sospensione della discussione.

Sull’ordine dei lavori sono intervenuti: Domenico Palmieri (Napoli Popolare) per il quale la maggioranza approverà, come la tempistica impone, i debiti fuori bilancio; non è sbagliato parlare di pressione psicologica della Giunta sulla questione delle assunzioni; il tema è il grande ritardo con cui si arriva al bilancio consolidato, che doveva essere approvato a norma di legge entro lo scorso 30 settembre: si tratta di uno stallo politico senza precedenti dovuto anche al fatto che le partecipate non hanno fornito i documenti contabili. Ci proponete un pacchetto di documenti da discutere, ha concluso, che il Consiglio non è in grado di analizzare adeguatamente e con responsabilità, per cui lascerà l’Aula.

Anche Gaetano Troncone (Misto) ha annunciato l’abbandono dell’Aula perché, considerati i tempi di convocazione della seduta, il Consiglio non è in condizione di votare gli atti

Roberta Giova (La Città) si è detta favorevole alla pregiudiziale illustrata da Brambilla, soprattutto per la grande difformità rilevata tra rendiconto e importi riportati in delibera, per cui, chiesto il rinvio in commissione, ha annunciato che non parteciperà ulteriormente ai lavori.

Messa in votazione la questione pregiudiziale, per appello nominale, questa è stata respinta con 19 no, 10 sì e 1 astenuto

La delibera relativa a debiti fuori bilancio è stata quindi illustrata dal vicesindaco e assessore al Bilancio Enrico Panini il quale ha precisato che l’ammontare complessivo dei debiti da riconoscere è di 25 milioni di euro. Sempre con appello nominale, la delibera è stata approvata con 21 voti favorevoli.

L’assessore Panini ha anche illustrato la delibera di ratifica n. 429 del 30.09.2019 per la variazione del bilancio di previsione 2019/2021, con la ridefinizione degli stanziamenti di spesa, a copertura del nuovo contratto con Napoli Servizi S.p.A. a partire dal 1.10.2019.

Nel dibattito, è intervenuto il consigliere Nino Simeone (Agorà) anticipando il proprio voto positivo e apprezzando tutto il lavoro svolto per arrivare a questo risultato e rammaricandosi dell’assenza delle opposizioni nell’occasione in cui arriva al termine il lavoro fatto anche grazie allo sforzo dei lavoratori; Per Rosario Andreozzi (Dema), dispiaciuto per l’assenza dall’Aula delle opposizioni, questo atto è importante perché distribuisce le risorse tra tutti i settori della società di servizi e la consolida nella sua natura pubblica grazie ad importanti affidamenti per i futuri 5 anni, rinnovabili. E’ stato fatto un capolavoro, ha concluso, frutto di una chiara volontà politica dell’ amministrazione, e dispiace che manchi ancora un confronto di merito con tutte le organizzazioni sindacali, anche per scongiurare uno sciopero annunciato.

Nella replica, l’assessore Panini ha parlato di una manovra di bilancio importante per un’azienda strategica del Comune di Napoli. Giusto ricordare l’impegno di lavoratori e sindacati, ma anche che è stato un anno complicato, conclusosi venerdì scorso con il fallimento di una procedura di raffreddamento: l’amministrazione ha già chiesto un incontro immediato con l’azienda. La delibera, messa in votazione, è stata approvata all’unanimità.

La delibera (G.C. n 483 del 22.10.2019) sull’affidamento dell’attività di riscossione “coattiva” delle entrate tributarie e patrimoniali, comprese quelle gestite dalle partecipate, all’Agenzia delle Entrate – riscossione per la durata di un anno è stata sempre illustrata dal vicesindaco Panini e approvata a maggioranza con il voto contrario del consigliere Simeone.

L’assessore Panini ha quindi illustrato la delibera di G.C. n. 478 del 17.10.2019 di proposta al Consiglio per modifiche e integrazioni al Documento Unico di Programmazione 2019/2021.

La delibera è stata approvata all’unanimità

Illustrata, sempre dall’assessore Panini, la delibera G.C. n. 540 del 21.11.2019 sul Piano Strategico della Città Metropolitana per interventi di ampliamento e messa in sicurezza degli itinerari ciclopedanali all’interno della Ztl Centro Storico. Dopo gli interventi della consigliera Elena Coccia (Napoli in Comune a Sinistra), Nino Simeone (Agorà), Marco Gaudini (Verdi – Sfasteriati), Mario Coppeto (Napoli in Comune a Sinistra), che ha annunciato un ordine del giorno sulla delibera, Stefano Buono (Verdi – Sfasteriati) e una breve replica dell’assessore Panini, è’ stato approvato all’unanimità un ordine del giorno, proposto dalla maggioranza, sul reimpiego dei residui, derivanti dai ribassi di gara, per ulteriori interventi. Dopo l’approvazione di un emendamento tecnico illustrato dalla presidente della commissione Bilancio Mirra, per dichiarazioni di voto è intervenuto il consigliere Gaudini, che ha annunciato il voto favorevole in ragione della strategicità del documento. La delibera è quindi stata approvata all’unanimità.

La delibera (G.C. n. 497 del 30.10.2019) che propone al Consiglio l’approvazione del Bilancio consolidato del Comune di Napoli per l’esercizio 2018 è stata presentata dal vice sindaco Enrico Panini. La sua approvazione consentirà di procedere alla stabilizzazione di 200 Lavoratori Socialmente Utili nei vari profili, un impegno ribadito in molte occasioni dal Sindaco. Questo atto vede il Comune di Napoli unico in Campania a proseguire il processo di stabilizzazione per arrivare, nel 2021, all’assorbimento dell’intero bacino di LSU. Altro risultato importante è l’assunzione a tempo indeterminato di 29 educatrici che rafforzano la presenza del pubblico nella scuola. Il Bilancio consolidato comprende le operazioni contabili di sette partecipate che vengono consolidate e di tre in liquidazione; Anm non è consolidata perché in procedura concordataria, così come il Consorzio di depurazione di San Giovanni, passato ad ABC. I riferimenti dell’assestato e del rendiconto sono documenti diversi, che non possono essere confrontati con questo documento, del quale l’assessore ha riassunto le principali componenti sottolineando che la delibera ha ricevuto il parere favorevole dei Revisori dei Conti. Permangono disallineamenti tra i conti del Comune e quelli delle partecipate, in particolare per 60 milioni con ABC, un disallineamento che però si è ridotto nel corso del 2019 e che si avvia ad essere conciliato.

In generale il consolidato dà conto della solidità del Comune con il gruppo delle sue partecipate, ha concluso

Nel dibattito sono intervenuti i consiglieri: Nino Simeone (Agorà), che ha rimarcato alcuni elementi critici nel documento, in particolare sulle questioni del disallineamento nei conti con le partecipate e sul patrimonio immobiliare; ha motivato l’impossibilità di votare il documento soprattutto in ragione delle mancate risposte concrete dell’amministrazione su gravi problemi segnalati, a cominciare dalla mobilità; Marco Gaudini (Verdi – Sfasteriati) che ha annunciato il voto favorevole del gruppo sul documento che deve essere considerato determinante; c’è comunque la percezione della grave sofferenza che si riscontra in città, tuttavia, va rilevata criticamente l’assenza delle opposizioni, sbagliata soprattutto quando si tratta di rendere possibili assunzioni; sull’utilizzazione dei profili, è determinante assegnare personale ai parchi cittadini, altrimenti destinati alla chiusura; Mario Coppeto (Napoli in Comune a Sinistra) che ha criticato la scelta delle opposizioni di lasciare i lavori, ma raccomandato che il Sindaco riprenda per responsabilità politica il dialogo con le opposizioni; vanno ulteriormente approfonditi i motivi del disallineamento, ma il voto del suo gruppo è favorevole; Rosario Andreozzi (Dema) che ha rimarcato l’assenza costante delle opposizioni soprattutto quando si tratta di questioni di bilancio; anche in questa occasione, quando si tratta di dare risposte alla città su importanti problemi, a partire dall’occupazione, manca il confronto. Si è augurato, infine, che nelle prossime settimane si arrivi all’approvazione definitiva dei bilanci di ABC e di Napoli Servizi che verrà così messa in sicurezza.

Al termine del dibattito, dopo una replica dell’assessore Panini, che ha risposto nel merito delle questioni sollevate, e dopo una dichiarazione di voto di Simeone, la delibera sul Bilancio consolidato 2018 è stata approvata a maggioranza (con l’astensione di Simeone)

Conclusi gli argomenti da trattare, la seduta del Consiglio è stata sciolta.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*