Comune di Napoli. La seduta del Consiglio di oggi apre in ricordo del Prof. Franco Ortolani e di tutte le donne vittime di violenza

Alla presenza di 28 consiglieri, la seduta del Consiglio si è aperta con la commemorazione del professor Franco Ortolani, recentemente scomparso. Subito dopo, l’Aula ha celebrato la Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne con la lettura dei nomi delle vittime di femminicidio del 2019, con la richiesta dell’assessora alle Pari opportunità Francesca Menna che il Sindaco si faccia portavoce affinché ci sia chiarezza sulla sorte di Silvia Romano, la cooperante italiana rapita in Kenya, e con la lettura di una poesia di Alda Merini da parte della consigliera Marta Matano. Un segno rosso è stato tracciato sul volto dei consiglieri per ricordare il sangue delle vittime di femminicidio.

Il ricordo del professor Franco Ortolani

Presieduta da Alessandro Fucito, la seduta del Consiglio è iniziata alla presenza di 28 consiglieri con la commemorazione del professor Franco Ortolani, recentemente scomparso. Il consigliere Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle) ha tenuto un commosso discorso ricordando il professor Ortolani, uomo di scienza, e le sue appassionate battaglie ambientali, dalla Terra dei Fuochi fino al rischio idrogeologico. Il professor Ortolani, ha ricordato Brambilla, amava con passione la nostra terra e sapeva spiegare con umiltà le condizioni di fragilità del nostro territorio. Un grande uomo che non morirà mai, ha concluso, perché ci sarà sempre qualcuno a ricordarlo.

Anche la consigliera Marta Matano (Movimento 5 Stelle) ha ricordato il professor Ortolani, che era senatore del Movimento, una persona con grande voglia di vivere e un appassionato ambientalista mai piegato alle logiche baronali; un “lupo di mare” capace di prevedere la tempesta. Persona geniale e umile, aveva messo a disposizione della comunità la propria scienza, con la capacità di guadagnarsi la fiducia di coloro che entravano in contatto con lui. L’ultima battaglia, per la costruzione di un “santuario dell’acqua”, sarà portata avanti in Parlamento, ha concluso la consigliera.


Anche l’assessore all’Ambiente Raffaele Del Giudice ha voluto ricordare il professor Ortolani, grande esponente dell’ambientalismo scientifico. La sua convinzione che i cittadini dovessero essere partecipi nella battaglia sulla fragilità del territorio è alla base dell’ambientalismo partecipato che lui ha promosso. A contraddistinguerlo è stata una grande conoscenza della Terra; quella stessa Terra, ha sottolineato, che ci si augura lo accolga serenamente.

In memoria di Ortolani l’Aula ha osservato un minuto di silenzio

L’assessora alle Pari opportunità Francesca Menna ha aperto con un breve discorso la celebrazione in Consiglio della Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne; una violenza fisica e psicologica che si perpetua nonostante le diversità culturali, sempre con il tratto della sopraffazione. Lettura lineare e lettura sistemica, proprie di ciascun sesso, sono complementari, ha continuato, e, quando sono libere di esprimersi, sono rivoluzionarie. Ogni 72 ore c’è un omicidio; la maggior parte dei delitti avviene fra le mura domestiche, ma questi fenomeni non vanno guardati come privati, perché sono sistemici: sono il segno che il sistema del patriarcato è ormai al suo colpo di coda. Oltre a fare da argine e a soccorrere le vittime, ha concluso, le istituzioni devono essere capaci di interpretare il fenomeno come il momento di crisi di un universo culturale che sta cambiando, orientandosi sempre di più verso il rispetto della persona.

A nome delle consigliere comunali è intervenuta la consigliera Elena Coccia (Napoli in Comune a Sinistra) per ricordare le tante donne vittime di femminicidio: sono 3250 le donne uccise dal 2000 a oggi, più numerose delle vittime delle guerre nel frattempo avvenute. La distribuzione dei casi sul territorio va studiata per attrezzare la risposta al fenomeno, applicando finalmente la Convenzione di Istanbul. Tre donne, in particolare, ha voluto ricordare: Teresa Buonocore, uccisa per aver denunciato lo stupro della figlia; Florinda Di Marino, il cui uccisore fu giudicato incapace di intendere e di volere; Matilde Sorrentino, che aveva denunciato lo stupro di bambini in una scuola elementare. Ha preannunciato, infine, che ciascun consigliere avrebbe letto i nomi, e le circostanze della loro morte, delle vittime di femminicidio di quest’anno.

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Il presidente Fucito e il sindaco de Magistris hanno cominciato la lettura dei nomi; una lettura proseguita da tutte le consigliere e i consiglieri presenti e dall’assessora Menna, che ha chiesto al Sindaco di farsi portavoce della richiesta di verità sulla sorte della cooperante Silvia Romano, rapita in Kenya. La consigliera Matano ha letto una poesia di Alda Merini.

Un segno rosso, tracciato sul volto dei consiglieri, è stato il gesto proposto dalla consigliera Coccia per ricordare il sangue delle donne vittime di violenza.

 

Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*