“In nome del padre”, di Massimiliano Amatucci. Il 29 novembre alla libreria Raffaello di Napoli

Sarà presentata il 29 novembre 2019 alla libreria Raffaello a Napoli la spy story scritta da Massimiliano Amatucci, “In nome del  padre”, in cui la concezione laica del bene e del male del protagonista si pone contro ogni forma d’integralismo.

Una spy story contro ogni forma d’integralismo

Il protagonista è in conflitto con se stesso. Votato al bene, per raggiungere un fine superiore, compie azioni deprecabili. Si muove nel ricco contesto socio economico dell’Europa di oggi, che stride con i valori cristiani e attira l’ira di varie forme d’integralismo. Su questi presupposti si amalgama il thriller di Massimiliano Amatucci, “In nome del padre”, 128 pagine, 15 euro, edito da Kairòs Edizioni, che si presenterà venerdì 29 novembre 2019 alle ore 17,30 alla libreria Raffaello in via Michele Kerbaker 35, Napoli. L’autore ne discuterà con Marco Lapegna, docente all’Università Federico II, e con lo scrittore Francesco Saverio Tisi, che leggerà qualche brano del libro, moderati dal giornalista Pino Cotarelli. L’evento sarà introdotto da Giovanni Musella, editore Kairòs.

Dopo due polizieschi arriva un thriller

“Dopo aver pubblicato due romanzi polizieschi, avevo voglia di cambiare direzione ed è stato naturale avvicinarmi ad un altro dei miei generi letterari preferiti, quello appunto del thriller”, chiarisce Amatucci. “Ne ho letti molti, considero maestri autori come Dan Brown, Robert Harris o John Grisham e, senza avere l’ambizione di raggiungere i loro risultati, ho voluto comunque confrontarmi con un mondo che sento vicino”.

Un’avventura che corre veloce tra Napoli, Londra e Parigi, fino allo scontro finale in cima all’Arco della Fraternità

La missione intima del protagonista è quella di salvaguardare se stesso e i propri valori. Mentre quella che gli viene affidata, e attorno alla quale ruota il romanzo, sta nel salvare una certa visione del mondo. Insieme ad una donna, l’uomo riceve l’incarico di sventare un attentato terroristico nella capitale inglese, destinato poi a manifestare i deflagranti effetti nello scenario degli Champs Élysées.


“Questo romanzo ambisce a trasmettere una concezione laica del bene e del male, contro ogni forma d’integralismo”, aggiunge l’autore

I primi capitoli, rivolti alla decodifica del personaggio principale, rappresentano l’originale prologo di un’avvincente spy story. Nella guerra tra religioni prevalgono i sentimenti personali e la fallibilità della natura umana. Un racconto, dall’epilogo sorprendente, che travolge con la sua onda d’urto i personaggi che l’attraversano, combattuti tra impulsi materiali e morali.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*