Il sindaco Luigi de Magistris resta al suo posto. Non è passata la mozione di sfiducia

Dopo un ampio dibattito che ha visto gli interventi di 25 consiglieri di opposizione e di maggioranza sulla mozione di sfiducia al Sindaco, questa è stata respinta con appello nominale registrando 22 no, 14 sì. Subito dopo, in Aula è intervenuto il Sindaco. Il Consiglio, su richiesta del Sindaco, è stato convocato nuovamente per il pomeriggio di lunedì 25 novembre (con inizio alle ore 15.00, e il question time fissato per le ore 14.00) per la trattazione di delibere urgenti, tra le quali il Bilancio consolidato.

Il sindaco ha vinto: respinta la mozione di sfiducia

La mozione di sfiducia al Sindaco, presentata dalle opposizioni, è stata respinta con appello nominale con 22 no, 14 sì. Il sindaco de Magistris non ha partecipato al voto. A questo punto il presidente Fucito ha informato l’Aula della richiesta del primo cittadino di convocare il Consiglio nella giornata di lunedì per la discussone di delibere urgenti. Sul punto è intervenuto il Vice sindaco Panini per spiegare che il 26 novembre è l’ultimo giorno utile per la pronuncia della commissione ministeriale sul piano assunzionale del Comune, 229 proposte di nuove assunzioni, 200 stabilizzazioni di Lavoratori Socialmente Utili e 29 educatori, per il quale occorre l’approvazione del bilancio consolidato. Altra delibera da discutere è quella sul riconoscimento dei debiti fuori bilancio, per scongiurare il rischio della responsabilità diretta dei consiglieri, trattandosi di un atto dovuto. Sull’urgenza della convocazione del Consiglio nella giornata di lunedì si è svolto un dibattito con interventi dei consiglieri Venanzoni, Brambilla e Moretto, tutti per criticare questa modalità di procedere. È quindi intervenuto il Sindaco de Magistris che ha innanzitutto rivolto gli auguri di buon lavoro ai neo consiglieri e ai nuovi assessori, oltreché gratitudine a quelli uscenti. Diverse le considerazioni da fare, secondo de Magistris., a partire dalla constatazione di una frattura nella maggioranza sulla quale si dovrà riflettere con attenzione e lavorare.

Resterà al suo posto fino al 2021

Non si dava per scontato che la mozione sarebbe stata respinta, ma è evidente che la stessa sia nata dall’episodio dell’audio diffuso dalla stampa, per poi trasformarsi in una mozione politica. Quell’audio, i consiglieri protagonisti e il tipo di messaggio contenuto, ha detto, andava letto nella giusta fotografia. Con la stessa nettezza si è compreso che devono contare soprattutto i fatti, cioè che dai protagonisti di quell’episodio non è mai venuta meno la lealtà in questi anni o richieste di carattere personale. All’opposizione va dato atto che in alcuni passaggi sia stata riconosciuta al Sindaco l’onestà e l’autonomia, passaggi importanti che fanno guardare a questo dibattito in maniera solo politica. Un ringraziamento va alla maggioranza perché, pur tra distinguo e critiche, si è assistito ad una prova di onestà e compattezza dalla quale partire per lavorare sugli aspetti critici. In relazione al passaggio del Sindaco sulla richiesta che lo stesso gruppo La Città aveva fatto di incarichi in Giunta, i consiglieri Giova e Venanzoni hanno abbandonato l’aula in segno di protesta. Nonostante gli ostacoli che molti consiglieri di opposizione cercano di mettere nella nostra azione attraverso i loro rappresentanti al Governo, ha continuato il Sindaco, molte delle richieste portate all’attenzione del Governo vengono accolte, e questo anche grazie alla credibilità che si è saputo costruire intorno alla nostra azione. Va contestato quanto detto oggi da più parti che il Sindaco non conosce le sofferenze della città, anzi rinforzato dalla prova di oggi si metterà ancora maggiore impegno nel lavoro, ma si rivendica il diritto di essere valutato solo alla fine del mandato.

Tanti i risultati da conseguire fino a fine mandato

Del rimpasto, di cui si è detto che rinsalderebbe la maggioranza, è evidente che così non è, ma ci si assume in prima persona tutta la responsabilità, che va nella direzione di allargare la prospettiva per provare a vincere le prossime elezioni del dopo de Magistris. La fragilità del Paese è evidente, e i sindaci riuniti ad Arezzo nei giorni scorsi lo hanno detto, ma in nessuna città con gravi problemi si dice che la colpa è solo del sindaco. Qui, oggi, non si è parlato di tante cose positive, come il Piano Strategico della Città Metropolitana che è stato votato all’unanimità dai 92 sindaci. De Magistris si è poi detto d’accordo sulla proposta di fare una sintesi dei punti di fine mandato, ma resta l’amarezza per aver sentito che non si pensa ai problemi dei cittadini ma solo al proprio interesse personale. Si lavorerà, invece, per arginare la deriva verso destra e sempre per il bene dei cittadini.


 

Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*