Furti in ospedale. Gli infermieri del Nuovo Policlinico di Napoli affiggono le foto di uno dei ladri

Chi va in ospedale, ci va per curarsi, perché purtroppo ha un problema di salute, non importa quanto grave.

Di sicuro, si tratta di una persona fragile in quel momento, che ha bisogno di serenità e assistenza, non di essere derubato.

Purtroppo però accade anche questo. Che si venga derubati in ospedale.

Succede che ci siano delle persone senza scrupoli, che si approfittino di altri, nel momento in cui sono più deboli e vulnerabili.


Persone senza cuore

Gli infermieri del Nuovo Policlinico di Napoli, stanchi di questi episodi. hanno deciso di smascherare i ladri, affiggendo un manifesto che ritrae, proprio uno di questi, ripreso dalle telecamere di sorveglianza del nosocomio napoletano.

Il post che segue è del Consigliere Regionale Francesco Emilio Borrelli, che ne ha parlato sulla sua pagina Facebook

 

“E’ inaudito quello che ci ha segnalato un cittadino, la cui moglie ha subito un furto mentre era ricoverata in un reparto del Nuovo Policlinico di Napoli. Trovo assurdo che chi si reca in ospedale per delle cure, ed ha quindi bisogno di assistenza, trovi qualcuno pronto ad approfittarsi di questa condizione di sofferenza. Questi sono mostri senza cuore e non persone. Ladri senza scrupoli che si aggirano all’interno dei reparti degli ospedali e, approfittando della distrazione di chi sta male, rubano indisturbati all’interno delle camere. Gli infermieri del Policlinico, dopo la denuncia della coppia e dopo la segnalazione di altri episodi simili, hanno affisso un manifesto che ritrae uno di questi ladri, ripreso dalle telecamere di sorveglianza, segnalando la presenza di questi delinquenti e mettendo in guardia le persone che affollano i corridoi”. Queste le parole di Francesco Emilio Borrelli, Consigliere Regionale dei Verdi.
“Mi auguro che le Forze dell’Ordine facciano tutto quello che è nelle loro possibilità per assicurare questi farabutti alla giustizia – prosegue il Consigliere – I Verdi da anni chiedono presidi permanenti della forza pubblica all’interno degli ospedali, che ormai sono diventati terra di nessuno, in mano a criminali che nella migliore delle ipotesi estorcono pochi soldi per il parcheggio all’esterno delle strutture, ma nel peggiore dei casi aggrediscono medici e infermieri, rendendo impossibili le cure per i tanti onesti cittadini che hanno bisogno solo di un sistema sanitario che funzioni”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*