Variazioni di bilancio per i lavori di riqualificazione dell’ex convento Gesù delle Monache

Con l’assessore alle Politiche urbane Carmine Piscopo e il dirigente del servizio Valorizzazione della città storica Fabio Vittoria, la commissione presieduta da Eleonora de Majo ha oggi esaminato la delibera di variazione del bilancio, all’attenzione del Consiglio comunale nella seduta del 6 novembre, per i lavori di restauro e risanamento dell’ex convento Gesù delle Monache in Via Settembrini. Mancano due mesi al completamento dei lavori riguardanti l’ala del complesso destinata a fronteggiare l’emergenza abitativa.

Lavori di restauro dell’ex convento Gesù delle Monache

L’intervento riguarda solo una parte del grande complesso monumentale situato tra Porta San Gennaro e Via Settembrini, una struttura che conserva importanti opere artistiche e che, con i suoi grandi spazi, nel pieno centro della città, potrebbe ben essere messa a disposizione della città, ha suggerito la presidente de Majo, una volta individuate nuove fonti di finanziamento.

Con la delibera che domani il Consiglio esaminerà (n. 411 del 20 settembre 2019), la Giunta chiede al Consiglio di ratificare l’utilizzo di una quota dell’avanzo vincolato del bilancio di previsione 2019/2021 per il completamento del restauro e il risanamento della parte dell’ex Convento Gesù delle Monache che insiste su Via Settembrini.

Si tratta, dunque, di un provvedimento di natura finanziaria, l’ultimo di una serie di atti che l’assessore Piscopo ha ricostruito, spiegando alla commissione che il progetto originario risale a un accordo di programma del 1994 che finanziava la riqualificazione di una parte del complesso destinandola, insieme alla struttura “Cardinale Mimmi”, a “edilizia residenziale sperimentale.” Con una delibera del 2015, poi, la Giunta ha stabilito che le 25 camere oggetto dell’intervento andranno a fronteggiare, una volta riconsegnate al Patrimonio, l’emergenza abitativa. La variazione del bilancio si è resa necessaria per coprire, con altri 300mila euro derivanti dall’avanzo vincolato, l’assestamento dell’intervento conseguente alla necessità di intervenire sul sistema fognario vetusto e per il consolidamento della grande cava rinvenuta sotto la struttura.


I lavori si concluderanno nei prossimi 60 giorni

È stato l’architetto Vittoria a esporre ai commissari intervenuti – Gaetano Troncone del Gruppo Misto, Mario Coppeto di Napoli in Comune a Sinistra e Roberta Giova di La Città – gli aspetti tecnici dell’ulteriore intervento che si è reso necessario per collegare l’impianto fognario direttamente a quello di Via Settembrini dopo il rinvenimento di una grande cava sotterranea, oggetto di specifici saggi archeologici e consolidata nel 2018 dopo il parere favorevole della Soprintendenza. I lavori di restauro e risanamento della parte del grande complesso oggetto dell’accordo di programma del 1994 sono finora costati più di 3 milioni di euro e presumibilmente si concluderanno nei prossimi 60 giorni.

 

Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*