Refezione scolastica, ipotesi correttivi in vista del nuovo appalto

Nell’imminenza del nuovo appalto per la refezione scolastica che dovrebbe partire dal prossimo 1° gennaio, la commissione Scuola, presieduta da Luigi Felaco, ha approfondito con l’assessora all’Istruzione Annamaria Palmieri l’ipotesi di utilizzare i risparmi ottenuti nel corso di quest’anno per far partire il servizio in continuità fin dal ritorno a scuola dopo le festività natalizie o, in alternativa, per destinarli ad altre attività connesse all’istruzione. Confronto anche sulla necessità di far partire in almeno un istituto per Municipalità un sondaggio sul gradimento dei piatti inseriti nel menù scolastico.

 

Risolta l’empasse della nomina del presidente

La commissione di gara per la refezione è già al lavoro per consentire la partenza del nuovo appalto per il periodo gennaio-giugno 2020. Il capitolato, ha chiarito l’assessora Palmieri, non presenta sostanziali differenze rispetto al precedente, mentre va rilevata la novità rispetto alla possibilità, secondo un parere espresso dal Segretario generale, di utilizzare per il futuro lo schema dell’appalto-quadro, che consentirebbe di “spalmare” la gara su più anni ma con risorse da erogare di anno in anno. In attesa del nuovo appalto, e per evitare interruzioni del servizio in caso di ritardi nel completamento della procedura di gara, il presidente Felaco ha proposto che i risparmi prodotti dalla mancata partenza del servizio a settembre in alcune scuole statali, sia utilizzato a gennaio per garantire l’immediata riattivazione del servizio stesso. In alternativa, gli stessi risparmi potrebbero essere reinvestiti per coprire altre spese sempre riferite al settore dell’istruzione. Una proposta condivisa dall’assessora, che ha rilevato come vada salutato con favore il dato della massima trasparenza raggiunta in materia di contribuzione da parte delle famiglie, le quali, con l’ausilio dell’apposito portale, possono iscriversi al servizio, pagare direttamente o scaricare gli avvisi di pagamento “Pago PA” mensili. Un sistema che ha permesso di azzerare quasi del tutto l’evasione, e che va sottolineato come un dato assolutamente positivo.

Sondaggio gradimento pasti

Sul versante del gradimento dei menù e della possibilità di operare delle revisioni allo stesso, proposta da alcuni genitori di diverse scuole, l’assessora ha accolto favorevolmente la proposta della commissione, sostenuta dai consiglieri Claudio Cecere (Dema), Rosaria Galiero (Napoli in Comune a Sinistra) e Marta Matano (Movimento 5 Stelle), di avviare un sondaggio sul gradimento dei pasti in almeno una scuola per Municipalità, a fronte di critiche frequenti su alcuni dei piatti giornalieri. Sulla refezione esistono tre diverse commissioni competenti: quella d’istituto, quella municipale e quella centrale; sarà quest’ultima a incontrare a breve i membri delle commissioni municipali non appena saranno costituite. Infine, sempre su proposta dei consiglieri oggi intervenuti, saranno estese a tutte le scuole le indicazioni contenute nel programma “Mens(a) Sana in Corpore Sano” elaborato dalla Asl Napoli 1 Centro in collaborazione con il Comune di Napoli e che ha visto coinvolte alcune scuole cittadine sul tema dell’educazione alla salute e della corretta alimentazione. Le indicazioni saranno destinate ad assicurare la possibilità per gli alunni di portare a scuola merende sane, in attesa che la disponibilità di maggiori risorse finanziarie consenta di inserire anche la merenda nell’appalto della refezione.


Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*