La vertenza Whirlpool arriva in Consiglio Comunale

Alla presenza di 36 consiglieri, presieduti dal presidente Alessandro Fucito, sono iniziati i lavori del Consiglio comunale monotematico sulla vertenza Whirlpool, con gli interventi dell’assessora al Lavoro Monica Buonanno e del sindaco Luigi de Magistris.

Vertenza Whirlpool

La seduta, presieduta da Alessandro Fucito, è iniziata alla presenza di 36 consiglieri. La recente notizia relativa alla proroga della chiusura della fabbrica, giunta nella giornata di ieri, è la dimostrazione – ha introdotto Fucito – che il lavoro condotto da parte di tanti, dei lavoratori in primis ma anche delle istituzioni, ha portato positivamente a un esito diverso della vertenza Whirlpool.

I lavori sono iniziati con l’introduzione dell’assessora al Lavoro Monica Buonanno che ha definito “un armistizio” la revoca dei licenziamenti decisi per domani; deve seguire una forte azione sindacale, istituzionale e politica per il buon esito della vertenza, che rappresenta una pagina buia della storia economica del Paese. L’amministrazione non si è mai fermata in questi mesi, ha proseguito l’assessora, ed è significativo che oggi tutti abbiano partecipato al corteo metropolitano in sostegno dei lavoratori. Esiste infatti una questione meridionale “fallita”, e servono più che mai atti e decreti che consentano investimenti nel nostro territorio. Non si deve solo pensare a Whirlpool, ma anche all’indotto e all’insieme delle vertenze industriali che aspettano di essere definite. È faticoso costruire impianti di diritti che il liberismo imperante rischia di demolire calpestando la dignità dei lavoratori. Quanto accaduto con Whirlpool è il simbolo di un’Italia che va verso un modello economico che non si può condividere, che porta ad accordi al ribasso, a delle vere e proprie minacce all’ordine sociale e all’uguaglianza tra Nord e Sud del Paese, lasciando spazio a forme di criminalità in un tessuto sempre indebolito. Il corteo di oggi, il simbolo della via crucis che vivono tanti lavoratori, deve arrivare in ogni angolo del Paese: se è accaduto qui può avvenire ovunque, e Napoli è in prima linea, per una battaglia che metta in sicurezza lavoratori e lavoratrici di Whirlpool di Napoli Est, contro chi, Oltreoceano, pensa di impoverire un’intera area produttiva.

Il sindaco Luigi de Magistris ha ricordato i motivi che hanno portato a questa seduta del Consiglio comunale. Quella di oggi è stata una straordinaria giornata di democrazia e di lotta, con la mobilitazione di ben 35 sindaci dell’area metropolitana. Questo dà tanta forza anche in previsione degli impegni per il prossimo 7 novembre, quando ci sarà il confronto con il Governo su questo tema. La notizia che la fabbrica non chiuderà domani ha fornito la dimostrazione della forza dei lavoratori ma anche della città, che ha saputo opportunamente schierarsi al loro fianco al momento giusto. La notizia di ieri, però, è solo la sospensione della cronaca di una morte annunciata: occorre una battaglia democratica per cambiare le sorti di questa vertenza, ed esistono strade giuridiche possibili per superare questa crisi. Per tutte queste ragioni bisogna lottare per riaffermare l’autorevolezza del Governo, ma anche del Mezzogiorno d’Italia: non può passare la linea che si possono sconfessare accordi presi sulla pelle dei lavoratori e di intere famiglie, perciò è importante restare compatti fino alla fine, e il 7 novembre il presidente del Consiglio dei Ministri dovrà esprimere parole chiare, che finora sono mancate. La città deve sapere che attacchi infingardi sul lavoro non si possono fare; questa è una battaglia giusta, ha concluso il sindaco, da vincere con coraggio, autonomia e autorevolezza.


Sono poi intervenuti, così come la Conferenza dei Capigruppo aveva deciso, i rappresentanti delle sigle sindacali. Antonio Accursio (Uil Campania) ha ricordato l’unità dei sindacati per raggiungere questo importante risultato, ma non c’è da gioire troppo: non ci sono ragioni strettamente industriali per chiudere il sito Whirlpool di Napoli, ma solo di opportunismo economico. Bisogna quindi ragionare in modo sistemico sui distretti di produzione che si stanno creando in Europa. Dal 31 maggio scorso si assiste a continui tira e molla sulla situazione dei lavoratori, che non possono essere mortificati ancora, e il Governo deve portare avanti la propria minaccia di revocare i fondi concessi, perché questo ha prodotto dei cambiamenti.

“Una giornata straordinaria di democrazia e di lotta”

Mauro Cristiani (Fiom) ha ricordato le tante crisi che oggi sono in corso sul territorio. Va dato atto ai lavoratori di essersi saputi opporre a progetti che stravolgevano la linea di produzione di Napoli. È una battaglia vinta, ma per vincere la guerra occorre che Whirlpool rispetti gli accordi sottoscritti in sede ministeriale. Questo “capitalismo di rapina” non può essere accettato; Whirlpool deve essere inchiodata alle sue responsabilità e i lavoratori devono essere rispettati: questo è l’unico modo per far sì che a Napoli si continuino a produrre lavatrici.

Giampiero Tipaldi (Cisl) ha ricordato che la compattezza ha portato a raggiungere un primo risultato. Ora è necessario proseguire, facendo sì che, attraverso contenuti e proposte unitarie, l’intera filiera parli la stessa lingua, al di là delle appartenenze politiche. Il tema è il lavoro e la dignità delle persone, e la necessità è quella di trovare soluzioni unitarie contro la crisi.

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*