Villa Russo. Vicenda molto delicata posta all’attenzione della commissione Ambiente

Per capire quali procedure siano state attuate per affrontare il degrado ambientale di Villa Russo, l’ex casa di cura di Miano diventata una discarica abusiva di rifiuti, la commissione Ambiente, presieduta da Marco Gaudini, ha oggi incontrato l’assessore all’Ambiente, Raffaele Del Giudice, e l’architetta Monica Pisani del Servizio Igiene della città. Ben prima del clamore suscitato dai video diffusi sui social, ha detto l’assessore Del Giudice, l’amministrazione si è attivata per il risanamento dell’area, che è privata, ed è stata emessa un’ordinanza per la rimozione dei rifiuti, la chiusura dei varchi ed eventualmente la bonifica. Occorre aspettare la scadenza della diffida (120 giorni), e se i proprietari non agiranno – sono ben 55 i proprietari dell’area, posta sotto sequestro – il Comune interverrà “in danno”.

Diffidati i 55 proprietari dell’area

Il Comune, ha concluso l’assessore Del Giudice, è intervenuto per tempo e con rigore sulla base di un sopralluogo fatto circa un anno fa cui seguì la segnalazione alla Polizia Ambientale, che attuò i primi interventi.

La ricostruzione dell’intera, complessa vicenda, è stata fatta dall’architetta Pisani del Servizio Igiene della città su sollecitazione del consigliere Stefano Buono (Verdi – Sfasteriati), il quale ha chiesto innanzitutto di precisare la procedura seguita finora. Dal 16 febbraio 2018, dopo l’intervento della Polizia Ambientale, l’area è sotto sequestro e affidata alla custodia giudiziaria dei proprietari, che nel frattempo, già nel 2016, avevano ottenuto l’esclusione dell’immobile, del tutto degradato, dalla procedura fallimentare. Nel maggio del 2019 è stato avviato il procedimento nei confronti del legale rappresentante della società con la diffida ai proprietari, che sono ben 55, per la chiusura di tutti i varchi per evitare ulteriori depositi abusivi di rifiuti. Con l’ordinanza dell’8 ottobre è stato infine intimato al legale rappresentante di Villa Russo di intervenire per il risanamento dell’area. Nel frattempo, ha spiegato l’architetta Pisani, è intervenuto anche il Servizio Sicurezza abitativa, in quanto l’immobile è dissestato, e nello scorso febbraio è stato richiesto il certificato di eliminato pericolo: anche in questo caso, se i proprietari non intervengono per garantire la messa in sicurezza dell’edificio, si potrebbe profilare un nuovo intervento in danno. Controlli effettuati dalla Polizia ambientale hanno confermato che i varchi sono chiusi, ma in ogni caso è possibile, ha annunciato Pisani, chiedere un ulteriore monitoraggio che accerti l’impossibilità di accedere all’area.

Una copia della documentazione completa relativa a Villa Russo è stata richiesta dal consigliere Buono, che ha anche comunicato che diversi cittadini hanno segnalato che tuttora sono aperti alcuni varchi: Villa Russo è una bomba ecologica, e un eventuale incendio del cumulo di rifiuti potrebbe trasformarsi in una tragedia per l’intero quartiere; inoltre, occorrerebbe porre dei vincoli sull’immobile e valutare, ha concluso, la possibilità di acquisirlo al patrimonio comunale; sarebbe un modo per rifarsi delle spese che la collettività affronta per il risanamento dell’area.

Una vera bomba ecologica

Per il consigliere Francesco Vernetti (Dema) occorrerebbero provvedimenti legislativi più severi per chi produce danni all’ambiente e al territorio, perché con gli interventi in danno le risorse dei cittadini vengono impiegate per colmare inadempienze dei privati, essendo poi lunga e difficile la procedura per rivalersene; anche l’acquisizione dell’immobile, se fosse possibile, con le difficoltà connesse alla molteplicità delle procedure di esproprio da attuare, consegnerebbe al Comune un immobile che è ormai poco più che un rudere.

Concludendo i lavori, il presidente Gaudini ha ribadito la richiesta di ricevere la documentazione e ha preannunciato ulteriori incontri per approfondire le questioni poste con il coinvolgimento dell’Avvocatura, del Patrimonio, della Sicurezza abitativa e del nucleo Tutela ambientale della Polizia Locale.

 

Comune di Napoli Comunicati Stampa

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*