Controlli abusivismo commerciale e conferimento rifiuti eseguiti dalla Polizia Municipale

La Polizia Municipale di Napoli al fine di contrastare il fenomeno dell’abusivismo commerciale ha disposto interventi di controllo nei pressi delle aree mercatali della zona di Fuorigrotta. In particolare gli agenti della U.O. Fuorigrotta sono intervenuti presso l’area mercatale “Canzanella” in via Metastasio dove hanno sottoposto a controllo 4 venditori ambulanti di cui tre che vendevano verdure e ortaggi senza autorizzazione posizionandosi all’ingresso del mercato comunale mentre il quarto era all’interno del mercato per la vendita di profumi e cosmetici senza autorizzazione.

Contrasto abusivismo commerciale

Tutti gli abusivi sono stati stati sanzionati per assenza di autorizzazione e per occupazione abusiva di suolo pubblico oltre al sequestro delle merci poste in vendita, consistenti in 270 kg. di verdure e ortaggi che sono state devolute allo Zoo di Napoli, mentre 300 pezzi in profumi e cosmetici sottoposti a sequestro sono stati depositati in attesa della distruzione. Nel rione Sanità, personale della U.O. Stella, ha eseguito controlli per contrastare gli illeciti ambientali. In seguito ad una segnalazione circostanziata, risultato di collaborazione tra cittadini e istituzioni, gli agenti operanti sono riusciti a rintracciare il conducente di un furgone mentre depositava materiali ingombranti sulla pubblica via nella zona delle Fontanelle, importante polo turistico e di interesse culturale.

Contrasto illeciti ambientali

Al trasgressore, tale G.G. che utilizzava per lo sversamento un veicolo non sottoposto a revisione, privo di assicurazione RCA e senza essere in possesso della carta di circolazione, sono stati elevati verbali per le infrazioni al Codice della Strada e per l’illecito smaltimento dei rifiuti con relativo sequestro del veicolo utilizzato.

 


Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*