Rifondazione Comunista Napoli contro la privatizzazione del trasporto pubblico locale

Trasporto pubblico napoletano e campano.

Avanza la privatizzazione

Sta per partire la gara europea indetta dalla Regione Campania per il bacino unico regionale diviso in lotti e, mano a mano che si avvicina la scadenza, ecco d’incanto che escono i soldi per l’acquisto di 507 autobus da distribuire tra i Comuni capoluogo e le province campane (dei 507 autobus 65 andranno al Comune di Napoli e 153 alla Città Metropolitana).
Ciò a conferma che la mancanza di fondi era strumentale al processo di privatizzazione, come abbiamo sempre sostenuto.

Per un’azienda unica

Rifondazione Comunista, insieme a forze della sinistra di classe e del sindacalismo conflittuale, si è battuta con decisione affinché il servizio di TPL dell’area napoletana restasse pubblico, facendo anche la proposta di un’unica Azienda che accorpasse CTP e ANM per sfruttare le economie di scala che ciò avrebbe procurato, portando questa proposta nelle aule consiliari del Comune e della Città Metropolitana attraverso la consigliera Elena Coccia.
C’è stata una chiara mancanza di volontà politica anche da parte di de Magistris, sia come Sindaco di Napoli che metropolitano, a differenza di altre situazioni come quella di Genova, dove l’ Azienda Unica metropolitana con la fusione dell’azienda del capoluogo ligure con quella della Città Metropolitana è, ormai, una realtà e dove il servizio verrà affidato in house (senza gara europea). Inoltre i privati non potranno entrare nel Consiglio d’ Amministrazione.

Aumenti in vista e lavoro in calo

La privatizzazione, se in una prima fase potrà, forse, portare un certo miglioramento del servizio – che è stato volutamente ridotto ai minimi termini per portare le aziende pubbliche del settore ad una situazione fallimentare – successivamente verrà pagata dall’utenza con aumento di biglietti e abbonamenti, taglio dei rami secchi e peggioramento delle condizioni di lavoro per gli addetti.
Rifondazione Comunista continuerà a battersi in appoggio alle rivendicazioni dei lavoratori del settore e si impegna a lottare per ottenere la ripubblicizzazione anche dopo la conclusione dell’iter di privatizzazione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*