Rif. Comunista Napoli, Whirlpool: si allo sciopero del 31 ottobre

Whirlpool, emergenza sociale

E’ noto che il settore del “bianco” (lavatrici, frigoriferi) è stato tra gli artefici del boom industriale nei lontani anni ’50 e ’60 e tra i fattori trainanti del tentativo di industrializzazione al Sud. C’era un diverso modello di sviluppo, in cui il mercato interno aveva un suo peso, e l’Italia aveva un sistema ad economia mista con un rilevante settore pubblico dell’economia.

Conseguenza del modello liberista

Il declino di questo settore ha cause in parte simili a quello di altri pezzi del nostro apparato industriale e, in parte, specifici.
Fino agli anni ’90 il nostro Paese nel campo dei “beni di consumo durevoli” aveva una posizione leader, giungendo a produrre il 45% degli elettrodomestici europei e ancora nel 2002 si producevano 30 milioni di pezzi. Oggi sono scesi ora al di sotto dei 10 milioni, pari a meno del 10% (per i dati citati si veda il SOLE-24 ORE DEL 9/10/2019).

Una crisi preannunciata

Insomma, la crisi dello stabilimento napoletano non è un fulmine a ciel sereno, così come non è lo è il fatto che le multinazionali chiudano anche stabilimenti attivi, perché con le delocalizzazioni cercano nuovi siti in zone dove possono ulteriormente massimizzare i propri profitti. Il quadro è aggravato dal fatto che le leadership politiche liberiste volutamente rinunciano a politiche industriali che non siano i meri incentivi, mentre si rinuncia ad investimenti pubblici produttivi.
L’Italia è addirittura al di sotto della media – già bassa – dell’ Eurozona per gli investimenti pubblici: il 2,2% del PIL contro il 2,7% europeo.

Il governo deve intervenire

Pertanto, nel confermare la doverosa solidarietà ai lavoratori della Whirlpool e dell’indotto, è ancora una volta importante porre al centro una diversa politica economica che non porti alla desertificazione di interi territori ormai non soltanto meridionali.
Il Governo deve concretizzare le proprie proposte, le istituzioni locali e regionali debbono fare la loro parte: la Città Metropolitana di Napoli ha precise competenze nel campo dello sviluppo economico. In altri territori (si veda, ad esempio, la Città Metropolitana di Bologna) è stato costituito il “Tavolo metropolitano di salvaguardia del patrimonio produttivo”, mentre nell’accordo dell’ottobre 2018 – disatteso dalla multinazionale – è esplicitamente previsto che le Regioni dove ci sono stabilimenti Whirlpool possano “attivare gli strumenti della propria specifica legislazione per supportare particolari progetti e/o obiettivi aziendali”.
Quindi la disponibilità manifestata dalla Regione Campania non è certamente una concessione, ma un adempimento anch’esso da concretizzare.


Sciopero il 31 ottobre

Naturalmente la gravità sociale della situazione richiede che tutte le Istituzioni evitino polemiche e teatrini: in ballo c’è il futuro produttivo della nostra città. Proprio per questo RIFONDAZIONE COMUNISTA invita a partecipare allo sciopero del 31 ottobre.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*