Orto a scuola. Si parte e novembre

Prosegue il confronto nella commissione presieduta da Francesco Vernetti sul programma di azioni necessarie all’avvio della sperimentazione degli orti didattici in alcune scuole cittadine. Oggi sono intervenuti l’assessora Alessandra Clemente, titolare della delega alla Terra e all’Agricoltura, il presidente dell’Ordine degli Agronomi, Giuseppe Ceparano, i rappresentanti di Confagricoltura e Coldiretti e la componente dello staff dell’assessorato all’Istruzione, Giovanna Corleto.

Orto a scuola

Esaminato oggi in commissione Qualità della Vita il cronoprogramma delle attività previste dal programma sperimentale “Orto a scuola”, già presentato lo scorso 7 ottobre insieme alla commissione Scuola. Data di inizio il prossimo mese di novembre, con circa 250 alunni coinvolti, divisi tra le dieci scuole primarie, una per Municipalità, che risponderanno all’appello dell’assessorato all’Istruzione che ha già condiviso l’iniziativa e che, come precisato da Giovanna Corleto dello staff, modificherà alcuni particolari del programma per agevolare la partecipazione degli istituti scolastici. Anche l’assessora Alessandra Clemente ha condiviso l’idea di avvicinare i bambini e le loro famiglie ai temi della terra e dei cicli biologici, in modo da educarli a una sana alimentazione e al rispetto dei tempi della natura e della stagionalità dei prodotti. Attraverso un avviso pubblico e l’utilizzo del regolamento sulle sponsorizzazioni, saranno individuati nelle prossime settimane i soggetti che forniranno le materie prime e l’assistenza tecnica per la preparazione degli spazi da adibire a orti, mentre gli agronomi cureranno la formazione dei docenti coinvolti. Ai bambini, successivamente, il compito di seminare, curare la crescita e attendere la conclusione del ciclo vitale per effettuare la raccolta e l’assaggio dei prodotti coltivati.

Piccoli contadini

Saranno messe a dimora solo piante a ciclo breve per consentire la conclusione del percorso entro la fine dell’anno scolastico. Tra queste cipolle, fave, piselli e verdure stagionali come cavolo, scarola e verza. Infine, spazio agli aromi dell’«orto dei profumi di casa nostra» con basilico, prezzemolo, salvia, origano, timo e menta, essenze particolarmente adatte per gli orti più piccoli che saranno allestiti nelle scuole non dotate dello spazio necessario, tra i 200 e i 400 metri quadri, per l’orto tradizionale.

 


Fonte Comune di Napoli Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*