Conferenza Anci sui Beni Comuni al Maschio Angioino

Alla presenza del presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, nella Sala dei Baroni del Maschio Angioino, la Conferenza Nazionale Anci dei Consigli comunali, convocata sul tema “Beni comuni e ruolo delle Assemblee elettive” e promossa da Alessandro Fucito, presidente del Consiglio comunale di Napoli e coordinatore della Conferenza nazionale Anci dei Consigli comunali, si è aperta con i saluti di Domenico Tuccillo. Bene comune per eccellenza – ha sottolineato il presidente dell’Anci Campania – sono innanzitutto le assemblee elettive, che sono da salvaguardare e che pagano lo scotto di un ingiusto discredito. Il ruolo dei Comuni va salvaguardato recuperando la lezione di Luigi Sturzo: i municipi non possono essere oppressi né dallo Stato centrale né dalle Regioni.

I Comuni hanno un ruolo fondamentale

Il presidente Fucito ha ricordato che la presenza del presidente Fico non è casuale: il dialogo è iniziato lo scorso febbraio alla Camera con un seminario sui beni comuni, con la partecipazione di rappresentanti degli Enti locali. Con spirito di trasversalità, date le diverse sensibilità rappresentate, il tema dei Beni comuni, ha detto Fucito, viene affrontato a partire dal bene primario: l’acqua. Il presidente ha inoltre ringraziato, oltre che i rappresentanti delle numerose città intervenute, tutte le autorità presenti, fra le quali il prefetto di Napoli, Carmela Pagano. Giuseppe Micciarelli dell’Università di Salerno ha ricordato la città di Kobane che, sotto attacco, non ha potuto partecipare alla riflessione sui beni comuni che si sta svolgendo in molte parti del mondo. La gestione dei beni comuni deve passare, ha affermato Micciarelli, attraverso una normativa nazionale ispirata alla definizione che ne aveva dato Stefano Rodotà e deve soddisfare i diritti fondamentale dei cittadini. Tiziana Maffei, direttrice della Reggia di Caserta, ha insistito sul concetto di bene comune inteso come assunzione di responsabilità collettiva. Lo stesso museo, se correttamente inteso come istituzione e non come patrimonio, fa riferimento ad una risorsa che si rigenera: la Reggia si è data il ruolo di collante della comunità per la rigenerazione culturale, un processo di cui l’intero Paese ha bisogno. Per la presidente del Consiglio comunale di Carbonia, Daniela Marras, il dovere delle istituzioni è quello di rendere corretto, costruttivo e congruo l’uso dei beni comuni. Ricostruendo la storia della sua città, ha ricordato il Premio europeo del paesaggio ricevuto da Carbonia nel 2011 per essere riuscita a ricreare il proprio futuro, dopo la crisi del settore minerario, destinando a funzioni culturali, ma anche produttive, le miniere del Sulcis. Luca Milani, presidente del Consiglio comunale di Firenze, ha voluto citare il discorso di Giorgio La Pira, che fu sindaco di Firenze nei primi anni 50, al momento della consegna delle case a esuli e immigrati: la città è “vocazione e mistero”, luogo da amare e abitare, fulcro delle relazioni all’interno della comunità. Il vice presidente del Consiglio comunale di Palermo, Giulio Tantillo, ha richiamato la necessità che l’Anci emani delle linee guida per aiutare i comuni ad intervenire realmente per l’utilizzo dei beni comuni, così come fece Napoli con la delibera del 2011 sul bene comune più importante, l’acqua. Angelo Massa, architetto del museo archeologico territoriale di Terzigno, ha raccontato l’esperienza del comune vesuviano che si sta adoperando per recuperare archeologicamente e culturalmente come bene comune l’antica cava di basalto che nel corso degli anni era stata completamente degradata, diventando un sito di stoccaggio dei rifiuti durante il periodo dell’emergenza. Vincenzo Caporale, presidente della Consulta popolare per la salute del Comune di Napoli, impegnata soprattutto sulle diseguaglianze di salute, ha richiamato il significato della salute come bene comune che, secondo la definizione della Organizzazione Mondiale della Sanità, è un bene da conservare e non da consumare.

Il Sindaco Luigi de Magistris si è detto contento che l’Anci abbia scelto Napoli per il seminario sui Beni comuni, un tema su cui la città ha molto lavorato a partire dal rispetto del referendum per l’acqua pubblica. Abbiamo lavorato, ha continuato, perché beni pubblici degradati e beni privati abbandonati, potessero essere gestiti dalle comunità di abitanti, che non hanno aspettato che qualcun altro decidesse il proprio destino, e hanno collaborato scrivendo insieme al Comune le delibere sui beni comuni, studiate dalle università europee. Napoli ha sovvertito l’identificazione tra valore e denaro, ed oggi i beni comuni sono “diritto”. Non è vero che siamo contro la proprietà privata, ma siamo per la gerarchia, stabilita dalla stessa Costituzione, tra beni privati, beni pubblici e beni comuni, che sono al vertice. Anche il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, è partito dalla citazione dell’articolo 118 della Costituzione, che sancisce il principio della sussidiarietà, che è rappresentato dalla cura del bene comune, sia che venga dai cittadini che dalle istituzioni. Ha quindi fatto riferimento ad esperienze dal basso, nate da nuove sensibilità e da cittadinanza attiva, di cura dei beni comuni come partecipazione ai processi reali della decisione. Il presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico ha ringraziato il presidente del Consiglio comunale Fucito e l’Anci che hanno voluto tenere a Napoli il seminario sui beni comuni. Questa iniziativa, ha detto, si inserisce in un percorso avviato alla Camera dei Deputati con la giornata dedicata alla discussione sui beni comuni con i rappresentanti degli enti locali. I Consigli comunali ed i Comuni sono il centro della democrazia, perché sono le istituzioni più vicine ai cittadini, e vanno aiutati con strumenti operativi e nuove professionalità. Il Parlamento può fare molto emanando norme più vicine ai Comuni, anzi, sull’esempio di Napoli, che per prima diede attuazione nel 2011 al referendum sull’acqua pubblica, varando innanzitutto una regolamentazione delle forme di gestione dei beni comuni. Prima della conclusione dei lavori si sono registrati altri interventi: Luigi De Giacomo, del Comitato Rodotà, per sollecitare una legge di iniziativa popolare sui beni comuni. Nicola Capone, della Rete nazionale dei beni comuni, ha chiesto di incontrare l’Anci per attrezzare la difesa contro l’ondata di privatizzazione. Stefania Canelli, in rappresentanza del comune di Marano di Napoli, per chiedere che si accellerino le procedure di assegnazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata e si aiutino i comuni alle prese con difficoltà economiche e carenze di personale. Mauro Cucco, presidente del Consiglio comunale di Bacoli, ha invocato coraggio nell’acquisizione dei beni confiscati, che vanno messi rapidamente a disposizione dei cittadini.

“Quello dei Beni Comuni è un tema su cui il Comune di Napoli ha lavorato molto”

Nel concludere la giornata il presidente Fucito ha ricordato l’appuntamento di domani 12 ottobre nella sala del Consiglio comunale del Palazzo di Via Verdi dove, a partire dalle ore 10:00, si riunirà il direttivo della Conferenza nazionale Anci dei Consigli comunali, e riaffermato il tema centrale dell’approfondimento sui beni comuni: offrire strumenti ai comuni e alle assemblee elettive è il modo migliore per concorrere alla vita democratica.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*