Universiadi: Commissione monitoraggio presenterà relazione entro il 2019

Nella riunione di oggi della commissione per il monitoraggio delle Universiadi 2019, il presidente Vincenzo Moretto ha anticipato le linee generali della relazione che la commissione renderà al Consiglio comunale che l’ha istituita per monitorare le attività connesse all’evento conclusosi a luglio.

Stadio Collana e utilizzo navi da crociera.

A fine dicembre, terminerà il proprio mandato anche l’Agenzia Regionale delle Universiadi con la quale la commissione continua a relazionarsi. Per le prossime settimane, la commissione ha programmato il completamento dei sopralluoghi presso gli impianti sportivi riqualificati e una iniziativa per verificare la possibilità di un riutilizzo delle economie realizzate.

E’ stato un importante monitoraggio quello che la commissione ha svolto a partire dal 2018, un lavoro, documentato anche dalla stampa, che ha permesso anche di far conoscere alla città le principali problematiche connesse alla realizzazione delle Universiadi. Alcuni temi sono ancora oggi all’attenzione dell’opinione pubblica: ad esempio, lo stanziamento iniziale per lo stadio Collana, poi non utilizzato, nel frattempo passato alla gestione privata; oppure il tema, ora oggetto di una inchiesta della magistratura, dell’utilizzo delle navi per alloggiare gli atleti ed dei trasporti. Su questo punto, la consigliera Marta Matano (Movimento 5 Stelle), intervenuta nel dibattito, ha rinnovato la richiesta che l’Agenzia Regionale per l’Ambiente fornisca i dati raccolti sulla qualità dell’aria durante il periodo di ancoraggio delle navi.

Sono, questi, ha continuato il presidente Moretto, i temi che la commissione ha seguito con attenzione, interloquendo di volta in volta con chi ha avuto la responsabilità dell’evento, prima con il professor Raimondo Pasquino, poi, con il commissario Luisa Latella e, infine, con il commissario Gianluca Basile. Su alcuni aspetti, inoltre, decisivo è stato il ruolo della commissione nel coinvolgimento della città nel dibattito sulla proposta dell’Ente Mostra, appoggiata dall’amministrazione, di ospitare un villaggio prefabbricato per gli atleti, una proposta che suscitò molte preoccupazioni per il rischio di danni irreparabili alle strutture della Mostra stessa.


Altro filone per ricostruire il lavoro fatto è quello del monitoraggio sui lavori di riqualificazione degli impianti sportivi utilizzati per l’evento attraverso gli incontri con l’assessore e gli uffici competenti; in molti casi, questo lavoro è stato supportato dai sopralluoghi che hanno di volta in volta mostrato l’avanzamento dei lavori e alcune disfunzioni. Una ricostruzione della situazione attuale è stata fatta anche nell’ultima audizione della commissione con il commissario dell’Agenzia Regionale per le Universiadi, Gianluca Basile, che ha assicurato che tutti i lavori dovranno concludersi entro il 31 dicembre 2019 ed ha anticipato la possibilità, per i lavori già appaltati, qualora ci fosse bisogno di un completamento, di coinvolgere i Comuni, fatto che, per il Comune di Napoli, non presenterebbe alcun problema essendo stato, lo stesso Comune, stazione appaltante per tutti gli interventi.

Diverso il discorso sulle economie realizzate, fondi che ammontano, finora, a 10 milioni circa di euro e che, ha confermato il commissario Basile, sono già rientrati nella disponibilità della Regione. Sul punto della possibile utilizzazione delle economie, o di parte di esse, per ulteriori interventi sugli impianti sportivi della città, la commissione chiederà un intervento al sindaco Luigi de Magistris e agli assessori Ciro Borriello (Sport) e Enrico Panini (Bilancio) perché verifichino, presso la Regione, tale possibilità. Si tratta, infatti, di verificare se le economie realizzate possano essere riutilizzate per migliorare ancora gli impianti già oggetto di intervento o, come richiesto dalla consigliera Maria Caniglia (Ce simme sfasteriati) per impianti non compresi nel programma, come il PalaStadera, ormai completamente vandalizzato.

Sopralluoghi e verifiche presso le strutture sportive.

Tra i prossimi impegni, la commissione ha programmato nuovi sopralluoghi presso strutture o non ancora visitate o da visitare nuovamente per verificare se sono stati nel frattempo risolti i problemi riscontrati. L’elenco comprende il Virgiliano, il Polifunzionale di Soccavo, gli impianti di San Pietro a Patierno e lo stadio Ascarelli.

 

Fonte Comune di Napoli-Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*