Napoli, assistenza scolastica agli alunni disabili: il punto

A poche ore dalla delibera sulla nuova convenzione con la Napoli Servizi, le commissioni presiedute da Maria Caniglia e Luigi Felaco si sono riunite per conoscere i dati definitivi richiesti sui numeri delle richieste di assistenza scolastica agli alunni disabili, sulla mappatura del servizio e sui contenuti del mansionario. Assenti i vertici della società. L’assessora Roberta Gaeta ha chiesto di aggiornare i lavori all’indomani dell’approvazione della delibera, che la Giunta esaminerà in giornata. Critiche sono state espresse da tutti i consiglieri comunali intervenuti, che hanno ribadito la necessità di poter svolgere il proprio ruolo di indirizzo e controllo, chiedendo una nuova convocazione a breve delle commissioni. Già la prossima settimana, hanno annunciato i presidenti, sarà fissata una riunione allargata alla partecipazione della commissione Lavoro, competente rispetto ai contenuti delle prestazioni svolte dagli operatori della Napoli Servizi, oggi presenti con una folta rappresentanza.

A poche ore dall’approvazione della delibera sulla nuova convenzione con la Napoli Servizi, la società non ha partecipato alla riunione convocata dalle commissioni Welfare e Scuola per completare la discussione sugli aspetti ancora non chiariti rispetto al numero degli operatori della Napoli Servizi impiegati e ai contenuti dell’attività svolta dalle operatrici nelle scuole materne, elementari e medie. Dati, questi, hanno ricordato i presidenti Caniglia e Felaco, più volte richiesti nel corso delle numerose riunioni dedicate al tema e non ancora forniti. L’assessora Roberta Gaeta ha spiegato che è in corso in queste ore il lavoro preliminare all’approvazione della nuova delibera di affidamento, che vede impegnati i dirigenti comunali e la società in house su tutte le linee di attività che la vedono attualmente impegnata. Un aggiornamento della riunione, pertanto, sarebbe utile, pur confermando tutti gli impegni assunti, in particolare quelli sul mansionario e sulla valorizzazione dell’attività svolta nelle scuole. Sarà fatta chiarezza, in particolare, sui contenuti delle attività e, anche dopo la sottoscrizione del nuovo contratto, si dovrà lavorare insieme per definire una volta per tutte il lavoro messo in campo dal Comune a favore delle fasce fragili. I dati richiesti dalle commissioni non sono disponibili oggi solo per l’assenza degli interlocutori della società. Ora che le scuole stanno completando l’invio delle risposte alla richiesta di fabbisogno, il quadro degli operatori impiegati diventa più chiaro. L’impegno che si assume è che con la formula del contratto pluriennale si potrà mettere a sistema e fare chiarezza sulle attività messe in campo, sempre ribadendo che l’assistenza agli alunni disabili non è assolutamente in discussione. Critici i consiglieri intervenuti, sia rispetto all’assenza della società sia per la mancanza di informazioni fornite alle commissioni sul contenuto della nuova convenzione. Per Andrea Santoro (Misto-Fratelli d’Italia) si poteva evitare di sottoscrivere il nuovo contratto di servizio all’ultimo momento, così come è stato assurdo ritardare così a lungo la comunicazione delle informazioni dettagliate più volte richieste dalle commissioni. È sconcertante rilevare come anche oggi non siano al tavolo il report sulle attività svolte e una mappatura completa del servizio che chiarisca se lo stesso copre tutte le richieste. In questo modo si nega ai consiglieri comunali di svolgere il proprio ruolo di indirizzo e controllo. Secondo Rosaria Galiero (Napoli in Comune a Sinistra) va apprezzata la presenza dell’assessora, che si è assunta la responsabilità di incontrare le commissioni, pur rilevando che l’assenza di spiegazioni alle obiezioni sollevate dai consiglieri è criticabile ad anno scolastico iniziato e con i lavoratori in grande difficoltà. Nulla poi si sa dell’atto che si sta per approvare e nessun contributo migliorativo può essere offerto, esponendo i lavoratori al rischio di continuare con gli attuali disagi. Laura Bismuto (Dema) ha rilevato le difficoltà attraversate dall’area Welfare all’interno dell’Amministrazione, dove esiste un vuoto anche rispetto ai dirigenti. È incomprensibile non riferire nulla oggi sui contenuti dell’atto, sulle caratteristiche del servizio e sul dirigente che firmerà l’affidamento di questa linea di attività. Per Vincenzo Moretto (Prima Napoli) i ritardi oggi denunciati sono ascrivibili anche alla società, ma resta il fatto che i consiglieri hanno già espresso le proprie posizioni. Occorre ora attendere di vedere il contratto, le risorse che saranno messe a disposizione e il mansionario, e poi integrare le osservazioni, auspicando che si scelga di adottare una delibera di proposta al Consiglio e non una delibera di Giunta. Marta Matano (Movimento 5 Stelle) ha criticato l’impossibilità per i consiglieri di prendere visione della bozza di convenzione e del mansionario, rendendo di fatto impossibile l’esercizio della propria funzione. Va detto chiaramente di chi è la responsabilità dei ritardi con cui il servizio è partito in diverse scuole, con ricadute negative sui bambini e i lavoratori. Diego Venanzoni (Partito Democratico) ha sottolineato che il tema del rapporto tra società e Amministrazione non può tenere fuori il Consiglio, che va debitamente informato. Vi è un ritardo evidente su tutti i fronti e la presenza oggi dell’assessora Gaeta senza informazioni da fornire alla commissione è un fatto inutile che si poteva evitare. Entro la prossima settimana, hanno assicurato i presidenti Caniglia e Felaco, sarà convocata una nuova riunione, allargata alla partecipazione della commissione Lavoro, sui contenuti della delibera approvata.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*