Il Comune di Napoli vuole rafforzare il proprio impegno nel Servizio Civile

Da nazionale a universale: il nuovo Servizio Civile, frutto di una recente riforma normativa, è stato illustrato oggi in commissione Giovani, presieduta da Laura Bismuto. Un’opportunità di crescita per molti giovani ma anche l’occasione, per gli enti che fanno richiesta di volontari, di giovarsi dell’entusiasmo e delle competenze dei ragazzi. Giuseppe Imperatore, dirigente del servizio Giovani e Pari Opportunità e referente nazionale del Servizio Civile per il Comune di Napoli, con Tiziana Liotti, funzionaria dello stesso Servizio, e Antonia Caserta, referente dell’Ufficio comunale del Servizio Civile, hanno illustrato i punti più rilevanti della riforma ma anche le criticità registrate finora. È intervenuta l’assessora ai Giovani, Alessandra Clemente, che ha annunciato prossime iniziative di sensibilizzazione sul tema del Servizio Civile.

Nato come un servizio alternativo al servizio militare, l’istituto del Servizio Civile, recentemente trasformato in Italia da Nazionale a Universale, ha mantenuto il suo carattere peculiare di strumento di difesa non armata della Patria, ma ha visto notevolmente ampliati i suoi settori d’intervento.

Si tratta di una procedura complessa, ha spiegato Imperatore, perché a monte della pubblicazione dei bandi c’è un grande lavoro di progettazione, individuazione delle sedi, reperimento delle figure professionali interne all’amministrazione che si occupano di redigere progetti, assicurare la formazione dei giovani su temi specifici e di carattere generale, garantire il tutoraggio (è prevista la figura dell’Operatore Locale di Progetto). I destinatari sono tutti i giovani di età compresa tra i 18 e i 28 anni; viene nominata una commissione esaminatrice che seleziona i volontari sulla base dei curricula e di colloqui attitudinali. La durata del Servizio Civile Universale è di un anno, e i giovani vengono mediamente impiegati per cinque giorni settimanali, per circa 5 ore giornaliere, in modalità assolutamente compatibili con le attività di studio e di lavoro, per un compenso di circa 500 euro al mese.

Assistenza; protezione civile; patrimonio ambientale e riqualificazione urbana; patrimonio storico, artistico e culturale; educazione e promozione culturale, paesaggistica, ambientale, del turismo sostenibile, sociale e dello sport; agricoltura; promozione della pace, della nonviolenza, dei diritti umani e della cooperazione. Sono questi gli ambiti individuati da Comune di Napoli al momento dell’iscrizione all’albo degli enti di Servizio Civile Universale, ha spiegato il dirigente. Ciò significa che, una volta che la procedura di iscrizione sarà perfezionata (entro il mese di gennaio 2020), sarà possibile presentare progetti in questi settori non appena verrà pubblicato il bando nazionale. Sono inoltre 61 le sedi comunali individuate per lo svolgimento delle attività, un numero che, potenzialmente, potrebbe corrispondere a decine di progetti di impiego di volontari, che rappresenterebbero un’indubbia risorsa per l’Amministrazione.


Sulla specifica situazione napoletana, sono stati illustrati i progetti svolti e quelli ancora in corso. Negli ultimi cinque anni il Comune di Napoli ha visto finanziati 8 progetti, due dei quali in corso. Sono stati impiegati in tutto 190 volontari, per una media annuale di 38 ragazze e ragazzi. Tra i progetti finanziati ce ne sono stati alcuni di particolare rilievo, come quello intitolato “Strada facendo”, per l’assistenza ai senza fissa dimora, e “Memoria delle donne al Centro”, sul tema delle pari opportunità. Naturalmente, ha concluso il dirigente, le potenzialità sono molto più ampie e – come anche evidenziato da Tiziana Liotti e Antonia Caserta – bisogna far leva su tutti i Servizi comunali per sensibilizzarli alla redazione di progetti e al coinvolgimento del personale non solo nella progettazione, ma anche nella formazione e nel tutoraggio.

n vista della pubblicazione del prossimo bando nazionale, dopo l’intervento dei consiglieri Arienzo (Partito Democratico) e Felaco (Dema), la Commissione si è impegnata a lavorare su due punti specifici: l’organizzazione di giornate di sensibilizzazione all’interno dell’ente sul tema del Servizio Civile e la promozione di un tavolo di progettazione interdirezionale.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*