Napoli, rilascio dei contrassegni H: le prossime misure

Con la partecipazione dell’assessora Roberta Gaeta, la commissione Welfare, presieduta da Maria Caniglia, ha discusso delle prossime misure per migliorare il servizio di rilascio dei contrassegni H per i cittadini disabili con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta, alla luce anche delle preoccupazioni espresse da parte dei commissari sulle sempre più scarse risorse umane assegnate al Servizio.

Semplificazione e decentramento: questi i due punti sui quali la commissione Welfare ha insistito negli ultimi mesi per migliorare il servizio di rilascio dei contrassegni H per i cittadini disabili, attualmente erogato in una sede difficilmente accessibile, via Salvatore Tommasi, sprovvista di ascensori funzionanti. Un paradosso che si è provato a risolvere con diverse ipotesi di intervento, e che tuttavia ad oggi – ha espresso con preoccupazione la presidente Caniglia – non hanno trovato riscontri. A questo si aggiunge una nota a firma dell’assessora Gaeta, datata 14 agosto 2019, nella quale viene rappresentata la difficile situazione di questo come di altri settori del Welfare, sempre più sprovvisti di personale e di fatto impossibilitati a coprire il fabbisogno di una fascia di utenti già estremamente fragile.

Sulle difficoltà che si registrano per il rilascio dei contrassegni H, l’assessora Gaeta ha spiegato che, dopo una prima disponibilità offerta da ANM per far fronte alle esigenze di delocalizzazione e semplificazione delle pratiche (ANM già dispone della piattaforma informatica per l’istruttoria), il progetto si è bloccato per il venir meno dell’azienda, e quindi attualmente il servizio viene erogato con il supporto dei dipendenti della Napoli Servizi alle operazioni di front-office e back-office, supporto che in nessun caso si può sostituire alle specifiche attività svolte dai dipendenti comunali su pratiche così delicate.

Sara Chiarizzi, funzionaria del servizio Inclusione Sociale, ha quindi illustrato le prossime misure che l’Amministrazione metterà in campo per risolvere queste criticità: una prima fase, della durata di 4 mesi, prevederà – con un affidamento diretto tramite Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione – la informatizzazione delle circa 28mila pratiche cartacee attualmente in archivio, per un costo stimato di circa 35mila euro. Una seconda fase prevederà invece l’acquisto di un software per l’informatizzazione delle procedure, in modo da poter azzerare i tempi di attesa e – salvo i casi più complessi – ottenere il rilascio a vista dei contrassegni.

Nel dibattito la consigliera Marta Matano (Movimento 5 Stelle) ha chiesto chiarimenti sulle soluzioni individuate per il decentramento dell’ufficio. Su questo l’assessora Gaeta ha specificato che è in via di completamento la ristrutturazione della sede comunale di Vico Santa Margherita a Fonseca 19, dove il Servizio verrà trasferito.

È preoccupante che dopo tanti mesi non si sia ancora risolto il problema del rilascio dei contrassegni H, ha evidenziato Andrea Santoro (Misto – Fratelli d’Italia); sarebbe importante coinvolgere le Municipalità e capire come affrontare seriamente il problema del decentramento.

L’ANM verrà convocata alla prossima riunione di commissione, ha concluso la presidente Caniglia, per conoscere ufficialmente i motivi dell’indisponibilità a partecipare al progetto.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*