Comune, discussione sull’Anm e la sicurezza

Il tema della sicurezza non può essere assolutamente sottovalutato, ha introdotto il presidente Nino Simeone; in presenza di gravi episodi di vandalismo e di aggressioni ai danni del personale Anm, va preso atto del lavoro che l’azienda sta svolgendo – ha partecipato all’incontro, per l’Anm, il direttore dei servizi alla Mobilità, l’ingegner Fabrizio Cicala – ma vanno anche segnalate e approfondite le criticità che si registrano su alcune linee che servono le periferie e presso le stazioni metro della zona ospedaliera. Affrontato, nel corso della riunione, su sollecitazione della consigliera Roberta Giova (La Città), anche l’episodio della signora multata e fatta scendere dal bus poco prima del parto all’ospedale Cardarelli.

Vanno chiariti la reale dinamica dell’increscioso episodio, ha chiesto in apertura la consigliera Giova, i motivi che hanno portato alla bocciatura, senza esame delle giustificazioni, del ricorso presentato dalla signora e, infine, le motivazioni delle scuse formali presentate dall’azienda, che appaiono in contraddizione con la evocata, corretta applicazione del regolamento: le superficiali scuse potrebbero più opportunamente essere sostituite da un gesto concreto, ad esempio un bonus studio a favore della bambina, a cui la città ha riservato una così brutta accoglienza.

Sulla necessità che quanto realmente accaduto sia portato all’attenzione della commissione ha anche concordato il consigliere Aniello Esposito (PD), per il quale appare particolarmente grave il fatto che la signora sia stata fatta scendere del bus dopo la verbalizzazione.

L’ingegner Cicala ha riportato la versione che tecnicamente ha fornito il verificatore Anm, il quale ha spiegato che al momento della verifica della mancanza del biglietto la signora, seppure incinta, non manifestava malesseri che si sono invece palesati una volta in strada, quando il verificatore si è offerto di chiamare il 118, offerta rifiutata dalla signora stessa. In ogni caso, ha concluso sull’episodio il dirigente di Anm, non può essere messa in dubbio l’umanità e la coscienza con le quali i tanti operatori dell’azienda – autisti, ausiliari e verificatori – svolgono il proprio lavoro in un contesto difficile, spesso violento.


Sul tema della sicurezza Cicala ha fornito una serie di dati, premettendo che l’intervento per la sicurezza ha un costo non marginale per un’azienda che sta mettendo in campo tecnologie e risorse per fronteggiare situazioni di criticità che si manifestano, ad esempio, anche per i parcheggi – dove atti di sabotaggio sottraggono clienti all’Anm e si registrano minacce da parte di abusivi ai danni degli utenti e degli ausiliari che vigilano sulle strisce blu – e per i depositi, che spesso sono stati oggetto di furti e atti di vandalismo. Sui bus la sicurezza è garantita dalla videosorveglianza a bordo di tutti i mezzi, con un collegamento diretto con le forze dell’ordine. Il sistema della videosorveglianza si sta ora estendendo alle stazioni metro, ai depositi e ai parcheggi. Si è registrata, negli ultimi quattro anni, una diminuzione degli atti di teppismo: nel 2015 ce ne furono 135, a metà del 2019 siamo a 25. Positiva anche la collaborazione con la Polizia Locale con la presenza dei vigili urbani sui bus, non solo per trasmettere maggiore sicurezza a utenti e operatori, ma anche per comminare più sanzioni, aumentate del 60% nell’ultimo quadriennio.

Proprio sulla collaborazione con la Polizia Locale, il capitano Domenico Pesola, intervenuto per conto del comandante Ciro Esposito, ha comunicato che è allo studio la possibilità di continuare l’iniziativa di collaborazione iniziata nel 2015 con trenta agenti che hanno affiancato la vigilanza Anm in regime di servizio ai privati, quindi fuori dall’orario di lavoro, con gli straordinari pagati dall’azienda.

Quest’ultimo tema è stato più volte ripreso negli interventi dei consiglieri.

Per Mario Coppeto (Sinistra Napoli in Comune a Sinistra) va fatto uno sforzo comune sul tema della sicurezza, per evitare che l’azienda, che è vittima di episodi di violenza, si accolli da sola i costi per garantire l’incolumità a operatori e cittadini.

Per Aniello Esposito (PD) andrebbe piuttosto utilizzato, per garantire la sicurezza dei lavoratori e degli utenti, il personale interno all’azienda, che dovrebbe anche migliorare le linee che servono le periferie e che sono sistematicamente trascurate.

All’azienda va chiesto, ha sostenuto Diego Venanzoni (PD), se sono previsti investimenti sulla sicurezza, e ciò in considerazione della situazione insostenibile che si registra, ad esempio, nei parcheggi del Centro Direzionale, privi di illuminazione, preda della microcriminalità e inutilizzabili nelle ore pomeridiane.

Non va fatta confusione, per il consigliere Vincenzo Moretto (Prima Napoli), tra la sicurezza, che compete all’azienda garantire, e le questioni di ordine pubblico, che invece vanno poste dal Sindaco in sede di Comitato per l’Ordine pubblico e la Sicurezza.

D’accordo su questo aspetto anche il consigliere Andrea Santoro (Misto – Fratelli d’Italia), per il quale le circolari del Ministero dell’Interno hanno più volte precisato che il servizio della Polizia Locale in regime di servizio a terzi riguarda le attività di disciplina del traffico e non quelle per l’ordine pubblico, che la Polizia Locale deve contribuire a garantire negli spazi pubblici, compresi i bus, ma non a carico dell’azienda.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*