Nuova scoperta a Pompei. Ecco il tesoro della fattucchiera

Occhio, malocchio…

Scaramanzia , superstizione, magia bianca e nera, non hanno tempo.

Ce lo conferma, ancora una volta, la scoperta fatta in questi giorni a Pompei.

È stata ritrovata, infatti, nella casa del Giardino, che già ci aveva rivelato che la data dell’eruzione non è quella nota del 24 agosto dell’anno 79 d.C., ma bensì il 24 ottobre del 79 d.C., una cassetta di legno, molto ben conservata contenente decine di amuleti, gemme ed elementi decorativi in faïence, bronzo, osso e ambra.


Oggetti femminili, utilizzati per ornamento personale o per proteggersi dalla cattiva sorte, e simboli di fertilità.

Pendenti a forma di piccoli falli, la spiga, il pugno chiuso, il teschio, la figura di Arpocrate, gli scarabei. “Simboli e iconografie che sono ora in corso di studio per comprenderne significato e funzione – ha riferito il direttore generale del Parco archeologico di Pompei, Massimo Osanna –  oggetti della vita quotidiana del mondo femminile e sono straordinari perché raccontano microstorie, biografie degli abitanti della città che tentarono di sfuggire all’eruzione”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*