Roghi tossici nell’area Napoli Nord: il punto in commissione Ambiente

Presieduta da Marco Gaudini, la commissione Ambiente ha affrontato oggi, con l’assessore Raffaele Del Giudice ed il capitano della U.O. Tutela Ambientale della Polizia locale Enrico Del Gaudio, il tema dei roghi di rifiuti nell’area Nord della città, e discusso delle misure messe in campo per le giacenze di rifiuti che si registrano in questi giorni.

Come ha introdotto il presidente Gaudini, la riunione di oggi è stata richiesta dai consiglieri dell’Ottava Municipalità Maria De Marco e Mirko Capuano per segnalare le criticità che si registrano nell’area Nord di Napoli a causa dei cumuli di rifiuti e del rischio di incendi, in particolare in prossimità del campo Rom. Proprio il consigliere Capuano ha chiesto all’assessore Del Giudice l’adozione di misure efficaci per evitare che si ripetano situazioni, come l’incendio dell’agosto 2017, tali da rappresentare un pericolo per la salute e l’incolumità delle persone che vivono nell’area. All’assessore Del Giudice, nel corso del dibattito, il consigliere Brambilla (Movimento 5 Stelle) ha chiesto chiarimenti sul controllo dello smaltimento del materiale edile, sulla necessità di destinare luoghi al recupero degli ingombranti, sulla possibilità di ricorrere a droni e telecamere in chiave preventiva nei siti più sensibili. Il consigliere Francesco Vernetti (Dema) ha invece posto l’accento sulla necessità di avere mezzi idonei, e di avviare un confronto ministeriale sull’impiantistica, implementando gli ecodistretti e i siti di compostaggio. L’assessore Del Giudice ha ripercorso i risultati del tavolo di lavoro interistituzionale da lui promosso sul contrasto allo sversamento abusivo di rifiuti. Particolarmente significativa è l’azione sinergica tra le diverse forze di polizia, coordinate dal viceprefetto Gerlando Iorio, per presidiare i siti particolarmente critici. Un’azione particolarmente efficace quella delle forze dell’ordine, ha specificato il capitano Del Gaudio della Polizia Locale, che ha portato a risultati importanti rispetto all’anno scorso. Sull’area Nord, ha proseguito Del Giudice, è stata chiesta ad ASIA l’installazione di più telecamere, ma si sta anche avviando insieme alla Polizia Provinciale una “staffetta del controllo” che consentirà un presidio dei siti, prevedendo anche l’impiego dell’Esercito con funzioni di polizia. Tra le altre misure messe in campo per l’area Nord, l’avvio di un tavolo con l’ASL per interventi di gestione dei rifiuti; si sta inoltre rafforzando un confronto con la comunità Rom residente nell’area per incentivare l’uso dell’isola ecologica di Scampia per lo smaltimento dei rifiuti. Obiettivo dell’amministrazione è l’ampliamento e l’apertura delle isole ecologiche per lo sversamento di ingombranti e la realizzazione degli ecodistretti in città, così come l’avvio nei prossimi mesi di due “riciclerie” per ingombranti e piccoli elettrodomestici. Sulle giacenze di rifiuti lungo le strade della città, Del Giudice ha infine precisato che questo è il culmine di una situazione che si protrae da quasi due anni. Alla attuale criticità hanno concorso diversi fattori: dalle gare per lo smaltimento andate deserte, causando quindi il riempimento degli Stir, al recente blocco della raccolta dell’umido. Ma dal tavolo tecnico con la Regione è stato elaborato un piano che prevede tre gare per lo smaltimento di un totale di 80.000 tonnellate di rifiuti che, uniti a piccoli stoccaggi, consentiranno di fronteggiare la situazione. Al termine dei lavori il presidente Gaudini ha concluso che, nel corso della seduta del Consiglio comunale di domani per l’approvazione del bilancio di assestamento, la Commissione presenterà una mozione per destinare maggiori risorse e mezzi alla U.O. Tutela Ambientale della Polizia Locale e un emendamento per rimpinguare il fondo destinato alla raccolta di rifiuti speciali e pericolosi e per l’acquisto di telecamere in funzione preventiva.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*