La vergogna della sanità napoletana

E’ di questi giorni la notizia che 62 persone in servizio all’ospedale Cardarelli, tra medici e infermieri, sono indagate per assenteismo.

Così come è di queste settimane la notizia che la camorra sarebbe profondamente penetrata nelle attività del nosocomio San Giovanni Bosco.

Per il governatore Vincenzo De Luca, però, la Campania è una regione virtuosa nella sanità.

Esimio governatore, mi consenta, ci vuole davvero tanto coraggio nel fare certe affermazioni.


Le illustro con fatti la vergogna, ripeto la vergogna che attende chi, purtroppo, si ammala nella mia città e deve essere ricoverato.

Pregevole governatore non è solo questione di formiche che invadono i pazienti; è qualcosa di più grave, di così vergognoso che, a mio parere, la dignità umana viene letteralmente annichilita.

Vede caro rappresentante istituzionale lontano dalla realtà (se fa certe affermazioni vuol dire che lei quando mette piede in un ospedale napoletano certe cose o non le nota o non gliele fanno notare), per ragioni personali nel mese di giugno sono stato per più giorni nel reparto “Unità operativa chirurgica” dell’ospedale Cardarelli.

Quello che ho avuto modo di vedere è stato, appunto, vergognoso.

Faccio una premessa: ringrazio il corpo medico che, nella maggioranza delle persone, compie dei veri e propri miracoli, perché tra tagli ai fondi, mancanza di oggetti, strutture fatiscenti, offrono il meglio di se e regalano quella speranza, quella vicinanza e quel supporto necessari (oltre alla competenza medica) per chi è malato. Le prime vittime di quello che definisco vergogna della sanità napoletana sono proprio loro.

Nel reparto richiamato, ho visto persone di tutte le età trattate come non si dovrebbe: donne e uomini messi su delle specie di barelle, nonostante in molti avessero varie appendici tra cui i cateteri e le fleboclisi. Pensate che in alcuni casi le barelle erano più corte della lunghezza del malato.

Che dire, poi, della pulizia? Un ospedale dovrebbe essere un luogo pulitissimo ma, evidentemente, il Cardarelli per chi ci governa, di ospedale deve avere solo il nome.

Esagero? Ho così tante prove che non temo alcuna denuncia, anzi sono io che denuncio questo stato di cose attraverso le righe di questo giornale.

Quello che più mi ha fatto ribollire il sangue ed al tempo stesso mi ha suscitato tristezza è stato assistere alla sofferenza del dolore l’aggiunta dell’umiliazione; non uomini ma bestie.

Un inferno che non si augura a nessuno, neanche al proprio peggior nemico.

Sembrava più un ospedale da campo allestito durante un conflitto che piuttosto il nosocomio più grande del Mezzogiorno d’Italia.

Un plauso va, ripeto, al personale che è costretto a lavorare in queste condizioni; dei veri e propri eroi.

De Luca dovrebbe sapere che in base ad un’indagine della magistratura, i clan hanno in un ospedale le loro vedette fatte di autisti, infermieri, portantini, barellieri, addetti alla pulizia. Un modo di controllare il territorio impensabile in una regione civile, eppure…Si entra in quell’ospedale dietro raccomandazione della camorra che aumenta, così, il proprio potere ed i propri affari.

De Luca, pertanto, di cosa si vanta?

Una vergogna, poi, che se passasse l’autonomia richiesta da chi fino a ieri cantava “mamma che puzza scappano li cani stanno arrivando i napoletani” diventerebbe ancora più putrida; altro che sanità di serie A e di serie B…

Oggi, non domani, chi non può permettersi l’accesso alla sanità privata è costretto ad umilianti e lunghe code di attesa.

In Italia mancano 8000 medici ed è previsto un esubero di 23000 medici nei prossimi 3 anni. Si stima che entro il 2025 serviranno, inoltre, 4000 medici d’urgenza, 3000 unità in pediatria e 1000 in chirurgia.

Cosa intende fare il ministro Giulia Grillo in merito?

L’articolo 32 della Costituzione recita che “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”.

Orbene qual è l’interesse della collettività nel vedere parificare gli essere umani a meri numeri (la vergogna che ho visto e che potete vedere costa, ed anche tanto, alle casse statali, quindi le nostre) e essere considerati peggio degli animali?

Mi conforta che anche senza certe malattie e certe sofferenze, per tutti ma proprio tutti, in quel mondo le raccomandazioni non contano, anzi…

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*