“Conoscere Napoli Metro per Metro”: un progetto formativo per le scuole

Alla commissione Scuola, presieduta da Luigi Felaco, è stato oggi presentato il progetto formativo elaborato dalla società FAR_ART che si propone di far conoscere ai giovani il patrimonio architettonico, archeologico e artistico della città attraverso itinerari che coniugano “il sopra e il sotto” di Napoli, utilizzando le “Stazioni dell’Arte” della metropolitana.

La commissione, alla quale hanno partecipato le consigliere Marta Matano (Movimento 5 Stelle) e Rosaria Galiero (Sinistra Napoli in Comune a Sinistra) e il consigliere Stanislao Lanzotti (Forza Italia), ha molto apprezzato gli obiettivi e le modalità realizzative del progetto “Conoscere Napoli Metro per Metro”; la stessa commissione, ha detto il presidente Felaco, si adopererà perché le scuole siano informate di questa iniziativa che, coniugando didattica e visite guidate, sicuramente incontrerà l’interesse e la partecipazione di insegnanti e ragazzi.

Le architette Roberta de Risi e Alessia De Michele della “FAR_ART” hanno spiegato che il progetto rivolto alle scuole utilizza come supporto il volume “Napoli Metro per Metro”, un’iniziativa patrocinata dal Comune e dall’Azienda Napoletana Mobilità: una guida alternativa, in italiano e in inglese, rivolta ai turisti ma anche ai napoletani, che segue l’itinerario tracciato dalle “Stazioni dell’Arte” della linea 1 della metropolitana, coniugando, appunto, il sopra e il sotto della città.

Il progetto proposto alle scuole – e che è stato già sperimentato con successo presso l’Istituto Maria Ausiliatrice e presso la scuola media Minucci – prevede una parte di didattica in aula e una parte di formazione in esterna: dopo aver scelto un proprio itinerario, le/gli studenti, ne saranno le guide, in italiano e in inglese, nel corso di uscite organizzate. Diversi i percorsi che possono essere scelti, e il progetto ne elenca alcuni: ad esempio, l’itinerario n.5, partendo dalla stazione “Università”, della quale possono essere descritti gli aspetti di architettura e arte, propone i Musei delle Scienze Naturali e Fisiche, il Museo di Paleontologia, la Chiesa di Santa Maria La Nova e, infine, la presunta tomba del Conte Dracula.


Le architette de Risi e De Michele hanno molto insistito, nel presentare il progetto, sull’aspetto etico-sociale: oltre che accompagnati nella scoperta delle proprie radici, fin da piccoli, i cittadini possono essere indirizzati all’uso dei mezzi pubblici a basso impatto ambientale, un modo per diffondere la consapevolezza delle problematiche relative all’inquinamento.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*