Napoli, approvata l’istituzione del Garante dei diritti delle persone detenute

Emendata e approvata a maggioranza, dopo un lungo dibattito, la delibera che istituisce la figura del Garante dei detenuti

L’assessora Gaeta ha illustrato la delibera di G.C. n. 403 del 09.08.2018 di proposta al Consiglio relativa all’Istituzione del Garante dei diritti delle persone detenute e private della libertà personale e all’approvazione del relativo Regolamento. La delibera riguarda le strutture di Poggioreale, Secondigliano, Nisida e Pozzuoli e punta, ha precisato l’Assessora, a individuare persone che abbiano una specifica competenza e reputazione nell’ambito delle battaglie per i diritti umani, per svolgere anche attività di sensibilizzazione sulla capacità rieducativa della pena. Il Garante non tutelerà solo le persone condannate, ma anche l’intera comunità nella quale queste persone vivono, attraverso la creazione di una rete articolata, in un’ottica collaborativa e costruttiva.

Sono intervenuti:

Luigi Felaco (Dema) che ha ricordato che il Garante si occuperà sopratutto di persone, e non di detenuti. La situazione nelle carceri è drammatica, è noto ormai, e i dati relativi ai suicidi in carcere, così come quello della tutela della salute delle persone detenute, devono far riflettere, e in questo senso il Garante potrà avere un ruolo centrale. Federico Arienzo (Partito Democratico) ha evidenziato alcune contraddizioni nella delibera, che da un lato prevede strutture organizzative nell’amministrazione a supporto dell’azione del Garante, e dall’altro non fissa alcun compenso per questo ruolo. Occorre prevedere un costo per questo tipo di incarichi e, guardando anche a ciò che avviene in altri Comuni, sarebbe corretto che il Consiglio comunale, e non solo il Sindaco, si esprima su chi sarà il Garante, proprio perché si parla di diritti. Elena Coccia (Napoli in Comune a Sinistra) ha evidenziato la complessità della vita dei detenuti e delle loro famiglie, e per questo sarebbe importante che il Garante solleciti percorsi di emancipazione, attraverso buone pratiche come i corsi di formazione, di lettura e di teatro. E’ ingiusto, poi, non prevedere compensi, e bisognerà lavorare per far sì che questi ruoli non siano più di solo volontariato. Laura Bismuto (Dema) ha espresso soddisfazione per il fatto che oggi finalmente il Consiglio discuta un tema così serio, a distanza di mesi dall’approvazione della delibera in Giunta. Ha condiviso quanto espresso dal consigliere Arienzo, sulla possibilità che il Consiglio si possa esprimere sulla nomina del Garante. Sarebbe perciò auspicabile che venga fatto un lavoro in piena trasparenza, senza sottostare a logiche politiche, ma guardando solo al pieno rispetto delle competenze nel campo della tutela dei diritti. Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle) ha evidenziato il rischio che questo atto sia di puro principio, senza però avere una sostanza effettiva. Non è, infatti, ben delineato il profilo del Garante comunale per le persone detenute. Inoltre la nomina non dovrebbe essere fatta dal Sindaco, ma dal Consiglio, ma anche in questo caso occorre meglio specificare i criteri. Il consigliere ha annunciato l’astensione della sua parte politico per un atto che, così com’è, rischia di rimanere inefficace. Salvatore Pace (Dema) ha citato la vicenda del suicidio del professore del liceo Vico, sottoposto agli arresti domiciliari per accuse di molestie sessuali, ritenendolo vittima di un vero e proprio linciaggio mediatico a mezzo stampa. Una persona onesta, che avrebbe avuto diritto ad una giusta difesa. Tra le funzioni del Garante non c’è quella di proteggere dalla forca mediatica i cittadini sottoposti alla limitazione della libertà personale, né forme di tutela della dignità di queste persone. Si doverebbe riflettere sulla possibilità che il Garante abbia un ambito autonomo di iniziativa, da definire con il sostegno dell’Avvocatura. Francesco Vernetti (Dema) ha chiesto che il Garante possa svolgere il proprio ruolo in piena autonomia e libertà di azione, contando sul supporto degli uffici comunali. Per Vincenzo Moretto (Prima Napoli) il Garante ha una sua importanza e dovrebbe svolgere il proprio ruolo in modo autonomo, perché sono molti gli spazi su cui potrebbe intervenire. Le leggi vigenti, però, consentono una limitata possibilità di intervento. Per il carcere di Poggioreale, in particolare, occorrerebbe un impegno per delocalizzarlo perché la posizione al centro della città costituisce un elemento penalizzante. Andrea Santoro (Misto-Fratelli d’Italia) ha concordato sulla serietà della condizione dei detenuti e sulla necessità di nuove e più moderne strutture e figure professionali che possano produrre effetti positivi. Solo nuovi provvedimenti normativi, però, possono cambiare veramente le cose, mentre nell’atto deliberativo proposto c’è molta demagogia. Si crea, infatti, una duplicazione di ruoli e un conflitto con la figura già esistente del Garante regionale. Nessun emendamento potrebbe migliorare quest’atto che non avrà, pertanto, un voto favorevole. Nino Simeone (Agorà) ha ritenuto utile l’istituzione del Garante ma non condivisibile quanto scritto sulla nomina e la durata. La nomina, come avviene in altre città, spetta al Sindaco ma potrebbe essere fatta dopo un confronto con il Consiglio comunale. La presidente della commissione Welfare Maria Caniglia ha ringraziato l’assessora Gaeta per il confronto svolto in commissione. La previsione di una figura di Garante a livello comunale consente di ampliare la tutela dei diritti delle persone private della libertà personale, mentre sulla nomina sarebbe opportuno prevedere la presentazione di candidature. La commissione procederà alla convocazione del tavolo e agli incontri con il Garante. Anche il presidente Fucito ha voluto dare il suo contributo rispetto all’atto, concordando con gli interventi favorevoli ed esprimendo critiche rispetto a molti aspetti della vita carceraria che ostacolano un reale recupero della persona condannata e ne limitano l’esercizio di diritti essenziali, come quello al lavoro. L’assessora Gaeta, nella replica, ha chiarito una serie di aspetti sollevati dai consiglieri, spiegando che il Garante avrà funzioni di garanzia, così come il Garante nazionale e quello regionale. Interloquirà con le altre istituzioni, con il Consiglio e la commissione. La gratuità prevista nell’atto fa riferimento alla funzione del Garante e non alla mancanza di supporto da parte dell’amministrazione. Il Garante non svolge funzioni, che spettano ai servizi, mentre rispetto al rischio di sovrapposizione con analoghe figure, va detto che sia il Garante nazionale che quello regionale si sono espressi in modo favorevole rispetto alla previsione di una figura omologa a livello comunale. Per la nomina è previsto un avviso pubblico con indicazione di caratteristiche precise, che non sono titoli professionali, ma competenze maturate. Il confronto con la commissione sarà sempre aperto, nel comune intento di far funzionare una figura che ha ampie potenzialità di intervento.


É seguito l’esame dei dodici emendamenti presentati. Tre quelli del gruppo di Napoli in Comune a Sinistra, uno dei quali poi superato e due approvati all’unanimità. Il primo dei sei emendamenti presentati da Arienzo (PD) sulla titolarità della nomina del Garante, dopo interventi dello stesso Arienzo, che poi ha abbandonato l’Aula, di Felaco, Bismuto, Vernetti, Galiero, è stato respinto a maggioranza. Decaduti gli altri a sua firma, è stato poi approvato a maggioranza un emendamento a firma del gruppo Sinistra Napoli in Comune a Sinistra, presentato dalla consigliera Coccia. Nel corso degli interventi per dichiarazione di voto, i consiglieri Arienzo e Brambilla hanno annunciato l’astensione, i consiglieri Felaco e Galiero il voto favorevole. La delibera è stata quindi approvata a maggioranza, con l’astensione dei consiglieri Arienzo, Brambilla, Nonno e Moretto.

Si è passati quindi al terzo punto all’ordine dei lavori, la delibera di G.C. n. 489 del 25.10.2018 di proposta al Consiglio avente ad oggetto l’approvazione del Piano comunale di emergenza di Protezione civile per il rischio sismico. Dopo l’illustrazione dell’assessora Clemente, i consiglieri Brambilla (Movimento 5 Stelle), Moretto (Prima Napoli) e Nonno (Misto – Fratelli d’Italia) hanno chiesto la verifica del numero legale. Presenti all’appello 19 consiglieri, la seduta è stata sciolta.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*