In commissione Bilancio la convenzione col Calcio Napoli

Nella prima parte della riunione presieduta da Manuela Mirra esaminata la delibera 257/2019 sulla bozza di convenzione tra il Comune di Napoli e la Società Sportiva Calcio Napoli per l’uso dello stadio San Paolo, alla presenza dell’assessore allo Sport Ciro Borriello, dell’assessore al Bilancio Enrico Panini e della dirigente del servizio Grandi Impianti Sportivi Gerarda Vaccaro.

Successivamente, con la partecipazione dell’assessore all’Ambiente Raffaele Del Giudice, è stata completata la discussione sulla delibera 311/2019 sul passaggio ad ABC della gestione dell’impianto di trattamento delle acque di falda di Bagnoli TAF1.

Dopo la presentazione dei contenuti della bozza di convenzione con la società di calcio cittadina in commissione Sport, la delibera 257/2019 è stata illustrata oggi in commissione Bilancio dalla dirigente Gerarda Vaccaro.

In apertura, è intervenuto sull’ordine dei lavori il consigliere Brambilla (Movimento 5 Stelle), che ha contestato la partecipazione alla riunione di dirigente e assessori, perché non precedentemente programmata. Il consigliere ha poi ribadito l’assoluta contrarietà alla discussione dell’atto in quanto privo del parere del collegio dei revisori, abbandonando poi i lavori


La dirigente Vaccaro ha riepilogato i punti principali della bozza di convenzione, che si riferisce al periodo dal 2018 al 2023, con la possibilità di un’ulteriore proroga di cinque anni. Si tratta, ha detto, di una concessione non esclusiva alla società Calcio Napoli, ma riferita ad un uso della struttura funzionale agli eventi calcistici, con un canone di 835 mila euro annui, calcolato sulla base dei costi di gestione affrontati dall’Amministrazione in occasione degli eventi calcistici. A questa somma vanno aggiunti anche i costi della pulizia, che verrà assicurata dalla società, così come quelli per la manutenzione del manto erboso. E previsto, comunque, che la sottoscrizione della convenzione sia condizionata al pagamento delle partite “dare e avere” tra il Calcio Napoli e il Comune, con espressa previsione di revoca in caso di mancato pagamento del canone.

La dirigente ha quindi risposto a quesiti dei consiglieri su diverse questioni, fra cui quelle riguardanti i biglietti da destinare alle scolaresche e ai consiglieri e l’utilizzazione dello stadio per eventi straordinari (Lanzotti, Forza Italia). I biglietti per le scuole non sono previsti, perché di competenza del gestore, ma la questione è ora oggetto di un confronto con l’Ufficio scolastico regionale; gli ingressi per i consiglieri sono previsti in numero di 140, mentre la possibilità dell’Amministrazione di utilizzare lo stadio, campo da gioco compreso, anche per concerti, è contemplata nel periodo che va dall’ultima partita di campionato e fino al 30 giugno.

La custodia e la pulizia (Andreozzi, Dema) sono così divise: la prima, in parte a carico del Comune e in parte a carico delle altre società sportive che utilizzano quotidianamente le palestre dello stadio; la pulizia sarà a carico del Calcio Napoli, con un risparmio per il Comune di 300 mila euro annui.

La pubblicità (Gaudini, Verdi Sfasteriati) sarà calcolata sulla base delle tipologie di esposizione utilizzate: 1435 metri quadri tra spazi luminosi e ordinari, per un importo superiore a 91mila euro. Sulla fideiussione, che non è stata inserita nella bozza di convenzione perché si tratta di un contratto non regolamentato dal Codice degli appalti, Gaudini ha insistito definendola elemento imprescindibile, per l’approvazione della delibera e, per questo, sarà oggetto di un apposito emendamento.

L’assessore allo Sport Borriello ha chiarito che sarà svolto un passaggio con l’Avvocatura sul punto, così come annunciato dall’assessore Panini a proposito del parere del Collegio dei revisori alla delibera che, per il segretario e il ragioniere generale, non è dovuto. Resta la necessità, hanno detto i due assessori, di non dividersi su un atto che ha richiesto un enorme lavoro e che è importante per la città. Si tratta, infatti, di una scelta vantaggiosa per l’ente, che non penalizza le altre società sportive che utilizzano la struttura di Fuorigrotta.

Nella seconda parte della riunione, si è completata la discussione sulla delibera 311/2019, che trasferisce ad ABC la gestione dell’impianto di trattamento delle acque di falda di Bagnoli TAF1. L’assessore all’Ambiente Raffaele Del Giudice ha spiegato che l’atto completa il passaggio del ciclo integrato delle acque all’azienda speciale e sancisce la nascita di un “hub idrico” a Bagnoli alla vigilia del risanamento ambientale che interesserà il sito. I due lavoratori di Bagnolifutura ai quali è stata finora affidata la custodia dell’impianto saranno trasferiti ad altra società partecipata. Il consigliere Andreozzi (Dema) si è detto preoccupato sulla questione del passaggio, sollecitando nelle prossime ore un impegno straordinario delle partecipate comunali per dare garanzie ai lavoratori.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*