Napoli, più risorse per le donne vittime di violenza

Lo ha ribadito l’assessora Roberta Gaeta nel corso della riunione della commissione Welfare sulla programmazione della terza annualità del Piano sociale di Zona 2016/2018

Per l’ultima annualità del Piano, con attività da realizzare quest’anno, ha spiegato l’assessora Gaeta ai consiglieri, si è data la precedenza a tutti i servizi rivolti alla povertà e al disagio estremo. Una decisione che porta con sé la necessità di ridimensionare alcuni servizi per coprirne altri individuati come priorità. Diverse le fonti di finanziamento – nazionali, regionali e da Bilancio comunale – che costituiscono il Fondo Unico di Ambito per la realizzazione del Piano di Zona. Tra queste, ha spiegato l’assessora, le risorse del Fondo nazionale politiche sociali, pari ad oltre tre milioni di euro, per un fabbisogno stimato dagli uffici di circa sei milioni di euro. Uno scarto da colmare ridimensionando i servizi offerti, ma scegliendo di privilegiare le misure a sostegno delle donne vittime di violenza, gli interventi per l’infanzia e l’adolescenza e quelli destinati alle forme di povertà estreme. Per altre voci, come i centri diurni polifunzionali o l’assistenza domiciliare socio-assistenziale, occorre reperire ulteriori fondi, magari in occasione della manovra di assestamento di Bilancio, per garantirne la copertura ed evitare tagli. La Commissione, ha annunciato la presidente Maria Caniglia, approfondirà la documentazione completa fornita dall’assessora ed elaborerà una proposta operativa.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*