Napoli, l’autonomia differenziata e le ripercussioni sulla sanità

Lo scorso 15 maggio la commissione Cultura, presieduta da Elena Coccia, ha avviato un confronto sulle ripercussioni, in diversi ambiti, del riconoscimento di maggiori forme di autonomia alle regioni a statuto ordinario, qualora venisse approvato, nella sua formulazione originaria, l’accordo con il Governo sottoscritto da alcune regioni nel 2018. Dopo aver affrontato il tema dei beni culturali, si è discusso oggi di sanità, con l’intervento del vicepresidente di “Medicina Democratica”, Paolo Fierro, e diversi rappresentanti del comitato “Biagio Salvemini”. Al termine dei lavori la commissione ha stabilito, su proposta del consigliere Mario Coppeto, di indirizzare al Sindaco Luigi de Magistris un documento nel quale si chiede una netta assunzione di responsabilità e la messa in campo di una serie di azioni contro l’attuazione dell’ autonomia differenziata, e la convocazione, prima del 21 giugno – data prevista per l’approvazione della riforma – di un Consiglio comunale monotematico.

E’ un quadro allarmante quello prefigurato per i prossimi anni per la sanità meridionale qualora si attuasse l’autonomia differenziata così come concepita nell’accordo di governo del 2018. Lo ha denunciato oggi in commissione Cultura il vicepresidente di “Medicina democratica”, Paolo Fierro, che ha evidenziato i rischi concreti di una disgregazione dei servizi sanitari nel sud del Paese, e la necessità che la politica ragioni effettivamente sui bisogni dei territori, ripartendo da criteri oggettivi di valutazione non basati sul gettito fiscale ma, ad esempio, sui dati connessi al tasso di mortalità evitabile o sui Piani Epidemiologici Comunali.

Dati Svimez alla mano, ha evidenziato Antonio Bianco del “Comitato Biagio Salvemini”, non si può non prendere atto di una situazione di grande sperequazione: nel 2016 sono stati 115.000 i cittadini meridionali che si sono spostati al centro-nord per cure mediche; di questi, 32.000 provenivano dalla Campania. La situazione non potrà che aggravarsi nei prossimi anni se viene attuata l’autonomia differenziata, è necessaria quindi una mobilitazione ed il sostegno delle forze politiche presenti in Parlamento contro una grave violazione del diritto alla cura e all’assistenza dei cittadini del Sud.

A fronte di queste preoccupazioni, la consigliera Marta Matano (Movimento 5 Stelle) ha rivendicato la totale attenzione della sua parte politica, in sede di Commissione bicamerale sull’attuazione del federalismo fiscale, al rispetto dei principi costituzionali: non ci potrà essere autonomia differenziata se prima non vengono definiti i fabbisogni standard, e successivamente i Livelli Essenziali di Assistenza e i Livelli Essenziali di Prestazione. E’ piuttosto da rimarcare la totale inerzia che per decenni i governi precedenti hanno avuto sulle conseguenze della riforma del titolo V della Costituzione. Il consigliere Mario Coppeto (Sinistra Napoli in Comune a Sinistra) ha evidenziato il rischio che, nel dibattito politico nazionale, le ragioni di un partito trasversale del Nord diventino predominanti, e non tengano conto dell’importanza di garantire trattamenti sanitari alla persona in quanto individuo in uno stato unitario.


Per la presidente Coccia, è importante un richiamo alla responsabilità di tutti i soggetti coinvolti, e ha annunciato un prossimo incontro sulle ripercussioni dell’autonomia differenziata nel sistema scolastico.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*