Migranti sfruttati nelle piantagioni di tabacco italiane in Campania

Tre dei principali produttori mondiali di sigarette – Philip Morris, British American Tobacco e Imperial Brands – acquistano foglie di tabacco che potrebbero essere state raccolte da migranti africani sfruttati impiegati in Italia: è la denuncia del Guardian, frutto di un’inchiesta durata tre anni e pubblicata in un lungo articolo dal quotidiano britannico nella sua edizione online.

I migranti, inclusi bambini, sono costretti a lavorare fino a 12 ore al giorno senza contratto, né adeguate attrezzature per garantire la loro salute e sicurezza. Il giornale cita la Campania, una regione – sottolinea – dove si produce oltre un terzo del tabacco italiano. Alcuni di questi lavoratori hanno detto di ricevere circa tre euro l’ora.

Oltre 20 richiedenti asilo intervistati dal Guardian, inclusi 10 che hanno lavorato nelle piantagioni ditabacco nella stagione 2018, hanno denunciato violazioni dei diritti e la mancanza di equipaggiamenti di sicurezza. Inoltre, i migranti hanno detto di non avere accesso all’acqua potabile e di essere stati sottoposti dai loro datori di lavoro ad abusi verbali e discriminazioni razziali. Due di loro erano minorenni:«Indipendentemente se sei stanco o no, devi lavorare – ha detto uno di questi, Alex del Ghana -. Altrimenti perdi il lavoro».


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*