Prosegue il confronto sugli alloggi per le donne vittime di violenza

Nuova riunione congiunta delle commissioni Welfare e Politiche per la casa, presiedute rispettivamente da Maria Caniglia e Vincenzo Solombrino, sulla proposta di assegnare alloggi comunali alle donne che denunciano violenze familiari, oggetto di un ordine del giorno approvato all’unanimità in Consiglio comunale, promosso dalla consigliera Laura Bismuto. Le assessore al Patrimonio Alessandra Clemente e alle Politiche per la casa Monica Buonanno hanno condiviso la necessità di dare una risposta elaborando uno strumento adatto a rispondere a questa particolare forma di necessità.

Dopo il contributo fornito dall’assessora Laura Marmorale e delle delegata alle pari opportunità Simona Marino, che nella precedente riunione del 13 maggio avevano condiviso la necessità di individuare procedure ad hoc per l’assegnazione alle donne che denunciano violenze familiari alloggi comunali o beni confiscati alla criminalità organizzata, le commissioni Welfare e Patrimonio hanno incassato oggi anche il consenso delle titolari della delega alle Politiche per la casa al Patrimonio, Monica Buonanno e Alessandra Clemente. Intorno all’indirizzo fornito dal Consiglio comunale con l’approvazione all’unanimità dell’ordine del giorno proposto dalla consigliera Bismuto (Dema) va, però, costruito un percorso ben definito che consenta di differenziare questa particolare categoria di persone rispetto ad altre titolarità di bisogni abitativi. La risposta, per l’assessora Clemente, va cercata sia a livello comunale, e per questo è già stato dato mandato alla Napoli Servizi di lavorare all’individuazione di immobili utilizzabili, sia nell’ambito dei beni confiscati. L’assessora Buonanno ha assicurato la condivisione della proposta, sottolineando come le donne vittime di violenza familiare che hanno necessità di un alloggio per sottrarsi al circuito violento, pur rientrando nella possibilità di accesso all’offerta abitativa contenuta nel prossimo bando per gli alloggi Erp o in quelle che a breve offrirà l’Agenzia sociale per la casa, finanziata con fondi PON 2014/2020 della Città Metropolitana, sono portatrici di una priorità nelle priorità, dove al disagio economico e al bisogno abitativo si somma l’urgenza di emanciparsi dal percorso di protezione portando con sé un vissuto drammatico che spesso riguarda anche figli minori. Per i consiglieri intervenuti, Moretto (Prima Napoli), Quaglietta (Partito Democratico), Matano (Movimento 5 Stelle), Simeone (Agorà) e Ulleto (Misto), in attesa di una nuova riunione che veda la partecipazione della dirigente del Patrimonio, Natalia D’Esposito, oggi ancora assente, e alla quale la commissione invierà una nota di richiamo, va elaborata una proposta specifica, che tenga conto delle previsioni del regolamento regionale in materia. In particolare, come proposto dalla consigliera Bismuto, per rispondere al bisogno della casa, occorre o individuare delle strutture da gestire con la formula del co-housing o elaborare un bando di assegnazione ad hoc. Inoltre, in accordo con la normativa regionale, andrebbero specificati i casi in cui già oggi è possibile assegnare in via urgente un alloggio, attraverso ordinanze sindacali che rimandano all’esclusiva valutazione del Sindaco le situazioni di urgenza. In questo modo sarebbe possibile aprire questo strumento anche alle vittime di violenza e sollevare il primo cittadino da una responsabilità di scelta che può facilmente prestare il fianco a strumentalizzazioni.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*