Riunione straordinaria delle commissioni Cultura e Politiche urbane sul cantiere di Porta Capuana

Dopo che, nel corso della riunione della commissione Infrastrutture dello scorso 9 maggio era emersa la notizia della chiusura del cantiere di Porta Capuana a seguito di intimidazioni camorristiche, le commissioni Cultura, presieduta da Elena Coccia, e Politiche Urbane, presieduta oggi dal consigliere anziano Mario Coppeto, hanno incontrato il Responsabile Unico del Procedimento del Grande Progetto Unesco, architetto Luca D’Angelo, ed i rappresentanti dell’Assessorato alle Politiche Urbane per conoscere la situazione attuale del cantiere di Porta Capuana, dove sono ripresi i lavori. Al termine del dibattito in commissione la presidente Coccia ha indicato la necessità di garantire un presidio di legalità e di controllo da parte dei consiglieri comunali nei cantieri per far sentire la presenza delle istituzioni. Se Napoli è una questione nazionale, ha concluso il consigliere Coppeto, così come emerso nel dibattito pubblico dopo i fatti di piazza Nazionale, dalla commissione odierna deve giungere un messaggio forte alle massime istituzioni nazionali, in particolare al Ministro dell’Interno Salvini e al Presidente della Camera Fico, affinché facciano sentire la loro presenza sul territorio, si rechino sui cantieri minacciati dalla camorra e testimonino la presenza dello Stato contro queste intimidazioni.

Necessario, per la presidente Coccia, che ha introdotto i lavori, conoscere la situazione attuale del cantiere di Porta Capuana dopo i gravi episodi emersi negli ultimi giorni; desta infatti molta preoccupazione la recrudescenza di atti di intimidazione camorristica in un’area di grande risveglio turistico.

Sull’ordine dei lavori, il consigliere David Lebro (La Città), facendo riferimento alla precedente riunione del 9 maggio, ha ribadito che è inaccettabile che gli assessori, peraltro assenti oggi, non sapessero nulla di ciò che era accaduto nel cantiere. Il vero problema nell’area di Porta Capuana è la totale assenza di controllo del territorio, una responsabilità di tutti gli organi competenti, che nulla fanno per arginare i problemi connessi al pullulare di sale da gioco, venditori ambulanti, droga e prostituzione. Sul cantiere, il ritardo accumulato per la riconsegna delle aree provoca disagio per i residenti che vivono letteralmente isolati. Va dimostrata massima solidarietà ai tecnici che hanno dovuto affrontare una vicenda così delicata, ha concluso, ed è necessaria la giusta sensibilità per affrontare anche la questione sociale nel quartiere.

Il Rup Luca D’Angelo ha ricostruito la cronistoria che ha portato la ditta esecutrice dei lavori, nella giornata di giovedì 9 maggio, a comunicare tramite Pec l’intenzione di sospendere i lavori a causa delle minacce ricevute, dopo che già un anno fa si era verificato un simile episodio. Già nella giornata di lunedì i lavori sono ripresi regolarmente, e sono state adottate le dovute misure di sicurezza da parte degli organi competenti; l’amministrazione comunale – ha specificato Giuseppe Sbrescia dell’assessorato alle Politiche Urbane – sta riservando massima attenzione alla questione, proprio stamattina c’è stato un sopralluogo al cantiere del Sindaco e dell’assessore Piscopo.


Sugli aspetti tecnici del cantiere, rispondendo a domande del consigliere Lebro sulla necessità di predisporre interventi di abbattimento dei manufatti abusivi lungo le mura aragonesi, e della consigliera Matano (Movimento 5 Stelle) sui tempi stimati per la conclusione dei lavori, l’architetto D’Angelo ha comunicato che è in corso l’interlocuzione con il servizio Antiabusivismo per gli interventi necessari; è prevista per il 24 giugno – in occasione delle Universiadi – la riconsegna della semicarreggiata di via Carbonara e di un tratto di via Duomo; entro un anno tutti i lavori saranno ultimati. E’ certamente una situazione complessa, ha evidenziato Renata Ciarnella dell’assessorato alle Politiche Urbane, ma si interviene tempestivamente per risolvere le criticità.

Nel dibattito, Mario Coppeto (Napoli in Comune a Sinistra) è intervenuto sui risvolti politici di questa vicenda: si è appreso solo dalla stampa che la camorra imperversa in maniera straordinaria laddove ci sono investimenti e possibilità di sviluppo per la città, come appunto il cantiere di Porta Capuana. I rappresentanti della città non possono essere tenuti all’oscuro di ciò che sta accadendo, il Consiglio comunale deve essere la sede nella quale l’amministrazione comunica – nel dovuto rispetto dell’iter giudiziario – quali misure vengono messe in campo, è desolante e umiliante, ha concluso, che a alla riunione odierna non siano presenti gli assessori invitati, suscitando il disappunto dei consiglieri. Concorde su questo aspetto il consigliere Domenico Palmieri (Napoli Popolare) per il quale le commissioni consiliari, nei limiti delle proprie competenze, che esulano da questioni di carattere giudiziario, devono veder rispettate le proprie prerogative. Prevista a breve, ha concluso la presidente Coccia, la convocazione di una nuova riunione con i rappresentati dell’amministrazione.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*